Home > Ultima ora Attualità > Santarcangelo, Giorgio Ioli: “Ospedale. La priorità è riportare il pronto intervento all’apertura h24”

Santarcangelo, Giorgio Ioli: “Ospedale. La priorità è riportare il pronto intervento all’apertura h24”

Il consigliere Giorgio Ioli di Più Santarcangelo interviene nel dibattito sull’ospedale Franchini.

Le polemiche di questi giorni sull’ospedale Franchini – dichiara Giorgio Ioli, consigliere comunale di Più Santarcangelo – mi hanno lasciato stupito e amareggiato. All’indomani di un giorno di festa condivisa per l’inaugurazione della nuova Chirurgia-Senologia, con oltre 700.000 euro investiti sul nostro presidio sanitario per rafforzarlo e ammodernarlo, sono quasi in imbarazzo al pensiero che si riesca ancora a parlare di un ospedale e di un reparto in via di depotenziamento.

Capisco che quando un professionista è a capo dell’opposizione possa cogliere la palla al balzo per attirare l’attenzione ed entrare nella bagarre politica. Ma a parte far rivendicare dai colleghi consiglieri i ringraziamenti per il lavoro svolto – ringraziamenti peraltro sempre ricevuti sia dalla direzione generale precedente che da questa, nonché dall’attuale amministrazione comunale così come dalle precedenti – non dobbiamo mai dimenticare che l’ospedale è un patrimonio di tutti, e tutti coloro che ci lavorano sono un valore per la città, nessuno escluso.

Siamo alla fine, o almeno tutti speriamo, di due anni estremamente complessi per la sanità pubblica. La pandemia ha modificato radicalmente i bilanci delle aziende sanitarie, tanto che solo nell’Ausl Romagna sono state inserite più di mille nuove professionalità, a tutti i livelli.

Pensare di riorganizzarsi – prosegue Giorgio Ioli – per rafforzare i presidi territoriali attraverso le strutture complesse è un’idea legittima anche in un quadro completamente modificato rispetto a quello pre-pandemico, come ha detto lo stesso direttore generale Carradori insieme al sindaco nell’intervento all’inaugurazione della Chirurgia-Senologia.

Riflessioni in questo senso, allo stato attuale, sono quindi possibili e anche auspicabili nell’ottica di un rafforzamento generale del servizio pubblico. Gli attacchi che non riguardano la sanità ma che sanno solo di rivendicazioni personali, invece, non sono ammissibili.

Anche perché siamo di fronte a un piano di investimenti in buona parte completato, con incremento di personale anche nel reparto Chirurgia/Senologia, aumento di servizi per la popolazione come quelli garantiti dall’Osco, ormai prossimo all’inaugurazione, che fanno dell’ospedale Franchini un presidio decisamente al passo con i tempi nel supporto a una comunità intera, con i suoi bisogni e le sue fragilità.

Questo continuo screditare l’Ospedale, chi ci lavora, chi lo ha diretto prima e chi lo fa oggi, l’azienda sanitaria e un’amministrazione comunale che sostiene e difende il Franchini da almeno trent’anni a questa parte, anche investendo risorse proprie come fatto negli anni ’90 per la realizzazione del nuovo ospedale, è assolutamente inaccettabile.

Focalizziamo l’attenzione dove serve – conclude Giorgio Ioli, consigliere comunale di Più Santarcangelo – al momento la priorità per i santarcangiolesi è riportare il pronto intervento all’apertura h24. Problema come sappiamo complesso per la carenza nazionale di medici nel settore dell’emergenza/urgenza. E allora troviamo le condizioni economiche e di sinergia con gli altri reparti per individuare una soluzione il più velocemente possibile”.

Ultimi Articoli

Scroll Up