Home > Ultima ora Attualità > Santarcangelo: il Comune ascolta i cittadini sul Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile

Santarcangelo: il Comune ascolta i cittadini sul Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile

Prende avvio la fase di ascolto del Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile del Comune di Santarcangelo. In continuità con “Santarcangelopiù”, il masterplan della città, l’Amministrazione Comunale ha avviato da alcuni mesi una profonda analisi della mobilità nel territorio comunale al fine di pianificare al meglio la città del futuro. Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) è un piano strategico di lunga durata che studia la mobilità nel territorio comunale, al fine di individuare strategie e azioni necessarie per migliorare la qualità della vita della città, dell’ambiente e la salute delle persone.

Da oggi, unedì 1° marzo, fino al 15 marzo sul sito dell’Amministrazione comunale sarà infatti possibile compilare il questionario anonimo online per esprimere la propria opinione sugli spostamenti all’interno della città, sul trasporto pubblico e sugli spazi di sosta. Ma sarà anche possibile indicare i principali obiettivi da perseguire nei prossimi anni a partire dalla riduzione dell’inquinamento atmosferico e da rumore, dalla riduzione degli incidenti stradali alla diffusione della cultura di una mobilità sostenibile fino alla necessità di migliorare le condizioni di sicurezza per veicoli, pedoni e ciclisti.

Il Pums è obbligatorio per le città con popolazione maggiore di 100.000 abitanti per accedere ai finanziamenti statali destinati a nuovi interventi per il trasporto rapido di massa, ma Santarcangelo ha comunque intrapreso questo percorso come occasione di analisi della mobilità in un’ottica contemporanea, attenta ai bisogni delle persone e dell’ambiente. Lo studio della mobilità riguarda tutte le tipologie di spostamenti: quelli pedonali, ciclabili, con automobili private, il trasporto pubblico locale, la sosta, e anche lo spostamento delle merci.

La campagna di comunicazione per la redazione del Pums prende avvio con la pubblicazione del sito internet dedicato (www.comune.santarcangelo.rn.it/pums) e con TuttoSantarcangelo, il periodico dell’Amministrazione comunale che raggiunge le oltre 9.000 famiglie della città che dedica la copertina al Piano Urbano della Mobilità Sostenibile con un intervento della sindaca Alice Parma.

Le migliori esperienze italiane ed europee, ma anche le indicazioni della normativa nazionale, ci insegnano che un Pums punta a rendere più sane le aree urbane in cui si vive e a migliorare la qualità della vita”, spiega la sindaca Parma su TuttoSantarcangelo. “Una città sostenibile non può che esserlo sotto l’aspetto ambientale, ma anche economico e sociale: il nostro sistema della mobilità urbana dovrà assicurare a tutti, senza esclusione, di poter esercitare il proprio diritto a muoversi gravando il meno possibile sulla collettività in termini di inquinamento atmosferico, rumore, congestione e incidentalità”.

Il Pums – aggiunge la sindaca – è quindi uno strumento strategico che mette al centro il cittadino di oggi ma soprattutto quello di domani secondo le indicazioni delle direttive europee e nazionali. E se il cittadino è al centro del percorso che stiamo avviando, la pianificazione non può che essere trasparente e partecipata da parte di tutti, a partire dalle scuole, dalle categorie economiche e sociali: attivare un percorso condiviso vuol dire per la nostra Amministrazione proiettarsi tutti insieme nel futuro, ripensare i nostri spazi e i nostri tempi”.

Quello che stiamo per avviare sarà un coinvolgimento della città a 360 gradi – continua la sindaca – un processo partecipativo che non poteva che partire dal coinvolgimento del Consiglio comunale per raggiungere le scuole, le categorie economiche e sociali”. “Al tempo stesso – conclude – abbiamo avviato un’indagine per raccogliere quanti più dati e informazioni possibili che assieme ai tanti interventi messi in campo in questi ultimi anni in questo settore – dal potenziamento della rete delle ciclabili alle strade scolastiche, dai nuovi attraversamenti pedonali alle Zone 30 – andranno a costituire il quadro conoscitivo sulla base del quale sviluppare e definire il Piano entro il prossimo autunno”.

Scroll Up