Home > Ultima ora Attualità > Santarcangelo: leggero calo della popolazione. In aumento nuclei familiari e matrimoni

Santarcangelo: leggero calo della popolazione. In aumento nuclei familiari e matrimoni

I dati demografici del 2021 di Santarcangelo non si discostano dalle rilevazioni precedenti e confermano i trend degli ultimi anni, con una popolazione stabile anche se in leggero calo, un costante ma contenuto aumento del numero dei nuclei familiari e un saldo naturale ancora una volta negativo.

Al 31 dicembre 2021, dunque, la popolazione di Santarcangelo resta sostanzialmente stabile con una leggera flessione rispetto all’anno precedente: si è infatti passati dai 22.381 abitanti del 2020 ai 22.320 registrati al 31 dicembre dello scorso anno (-61) suddivisi fra 10.830 maschi e 11.490 femmine. Ancora in aumento invece il numero dei nuclei familiari, che raggiunge la cifra di 9.103 famiglie, 21 in più rispetto al 2020 (negli ultimi tre anni le famiglie sono aumentate di 124 unità). Immutate le convivenze di fatto: 40 come nel 2020.

In decisa flessione le nascite rispetto al 2020, anno che aveva fatto registrare un’inversione di tendenza con 174 nuovi nati. Nei dodici mesi appena trascorsi le nascite si sono fermate a quota 149, un numero inferiore anche se di poco sia rispetto al 2019 (150) che al 2018 (155). Scende anche il numero dei deceduti: 234 nel 2021 contro i 250 del 2020 (nel 2019 erano 222). Ancora una volta il saldo naturale è negativo, pari a -85.

Sono invece 698 le persone che hanno spostato la propria residenza a Santarcangelo nel corso del 2021 (592 provenienti da altri Comuni e 106 dall’estero o iscritti per altri motivi), un dato pressoché identico al 2020. 674 infine i residenti che si sono trasferiti in altri Comuni, all’estero o cancellati per altri motivi (649 nel 2020).

I cittadini di nazionalità straniera sono 1.916 (881 maschi e 1.035 femmine) pari all’8,58 per cento. 299 sono di Paesi dell’Unione Europea (96 maschi e 203 femmine) e 1.617 di paesi extra Ue. Nel 2020 in totale erano 1.888. Le comunità con il maggior numero di residenti si confermano quelle di nazionalità albanese (354), cinese (295) e marocchina (246).

Sale il numero dei matrimoni (68) dopo la forte contrazione registrata nel 2020 in seguito allo scoppio della pandemia: dalle 83 celebrazioni del 2019 si era infatti passati a 46. I matrimoni celebrati con rito religioso nel 2021 sono stati 28, 40 quelli con rito civile. Sono invece 7 le separazioni e 9 i divorzi.

I dati forniti dai Servizi demografici del Comune dicono inoltre che i residenti con età inferiore ai 18 anni sono 3.562 (1.808 maschi e 1.754 femmine) pari al 15,95 per cento della popolazione, mentre gli over 65 sono 4.854 (2.146 maschi e 2.705 femmine), l’equivalente del 21,74 per cento dei residenti. Cinque gli ultracentenari, tutte femmine: la più anziana ha raggiunto i 102 anni. Fra le femmine i nomi più comuni sono Aurora e Ludovica, fra i maschi invece il nome più diffuso è Lorenzo.

Quasi la metà della popolazione di Santarcangelo risiede nel capoluogo, più precisamente il 47,63 per cento, pari a 10.602 abitanti (5.028 maschi e 5.574 femmine). Le frazioni più popolose sono Sant’Ermete con 2.583 residenti), San Michele (1.797), San Bartolo-Sant’Agata (1.702) e San Vito (1.685). Poco meno di mille invece gli abitanti di Canonica, meno di 700 quelli di Santa Giustina, circa 500 i residenti di Ciola Corniale-Stradone, mentre la frazione col minor numero di abitanti è Montalbano: 364.

La tenuta demografica di Santarcangelo, costante anche in questi due anni di pandemia, dimostra che il lavoro per garantire la qualità dei servizi, la cura della città e degli spazi pubblici dà i suoi frutti e deve rimanere il nostro principale obiettivo” dichiara la sindaca Alice Parma. “Santarcangelo continua a essere scelta come luogo di vita e lavoro, dalle famiglie ma anche dalle imprese che qui trovano un contesto ideale in cui operare. Ci sarà ancora molto da fare per sostenere la città nel percorso che ci porterà gradualmente fuori dalla pandemia – conclude la sindaca – ma nel frattempo registriamo positivamente il dato della stabilità demografica nonostante l’impatto del Covid-19

Ultimi Articoli

Scroll Up