Home > Politica > SCANDALO NUOVA QUESTURA, APPUNTAMENTO A SETTEMBRE PER PROPOSTA “DEFINITIVA”

SCANDALO NUOVA QUESTURA, APPUNTAMENTO A SETTEMBRE PER PROPOSTA “DEFINITIVA”

Nel pomeriggio di oggi si è svolta presso il Viminale, a Roma, una riunione cui hanno partecipato il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, il Capo della Polizia Franco Gabrielli, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e i parlamentari Tiziano Arlotti e Sergio Pizzolante.

Al centro dell’appuntamento le soluzioni capaci di fare soluzione definitiva al problema delle sedi della Polizia a Rimini.
“E’ stato un confronto franco, schietto- spiega il sindaco Gnassi – in cui gli onorevoli Arlotti, Pizzolante ed io abbiamo sottolineato la specificità di un territorio come il nostro: un borgo di 330 mila abitanti che accumula 15 milioni di presenze turistiche all’anno e 20 milioni di city users, ma venendo sempre rubricato come area di media grandezza in ordine alla statistica demografica e dunque sottovalutato nelle esigenze che determina questa sua particolare natura. Abbiamo sottolineato al Ministro Alfano e al Prefetto Gabrielli, sottoponendo un dossier aggiornato, lo scandalo della sede della nuova Questura di via Roma a Rimini; una vicenda che si insegue dal 1995, figlia del rapporto fallito tra Ministero degli Interni e privato, e che lascia a Rimini una ferita urbana che veicola degrado e pena. Abbiamo chiesto una soluzione definitiva a questo problema, in cui la città di Rimini, la sua comunità e le stesse forze dell’ordine sono parte lesa. Ogni giorno la Polizia di Stato, il Questore, le forze dell’ordine di stanza sul nostro territorio portano avanti un lavoro complesso, con mezzi e organici tarati per numeri che non sono quelli reali: ordine pubblico, contrasto alla macro e micro criminalità, lotta all’illegalità, sicurezza per le migliaia di eventi che si svolgono annualmente. Un lavoro enorme, dispendioso e faticoso che merita ben altra considerazione e che soprattutto ha bisogno di certezze, a partire proprio dalle sedi. La richiesta avanzata al Ministro è quella di provvedere al più presto a dare soluzione ai problemi, tenendo conto che ogni ipotesi o progetto o programma non può prescindere dal risolvere una volta per tuttela vergogna di via Roma. La disponibilità del Ministro Alfano e del Prefetto Gabrielli è stata massima. Ai primi di settembre è convocato un
appuntamento tecnico per verificare tutte le diverse azioni e il percorso operativo per una proposta complessiva e definitiva che possa consentire alla città di risolvere un problema annoso e alle forze di polizia, alle centinaia di agenti di avere luoghi di lavoro efficienti, moderni. e dignitosi.”.

Scroll Up