Home > Ultima ora politica > Scuola, presidente Bonaccini: “Doveroso ricominciare. Grazie all’impegno di tutti”

Scuola, presidente Bonaccini: “Doveroso ricominciare. Grazie all’impegno di tutti”

“Finalmente si riparte. La scuola è un patrimonio, uno degli assi portanti, dei pilastri di questo Paese: era importante riaprire, ci auguriamo e siamo fiduciosi che tutto possa andare per il meglio”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che questa mattina, in occasione del primo giorno di scuola per alunni e studenti dell’Emilia-Romagna, ha partecipato all’inaugurazione della “Scuola in fiera”, a Bologna.

“Due giorni fa – ha ricordato Bonaccini – Vasco Rossi ha detto che aprire una scuola è condannare l’ignoranza, io la penso esattamente come lui. Abbiamo riaperto pressoché tutte – o quasi – le attività economiche, diverse già da parecchi mesi, era indispensabile e doveroso far ripartire l’anno scolastico. La scuola è un patrimonio, uno degli assi portanti, dei pilastri di questo Paese, per il contributo che dà, certo, alla crescita educativa, conoscitiva e di apprendimento. Ma non solo. La scuola – ha sottolineato – è anche socialità, stare insieme, confrontarsi. Certo, non sarà un anno semplice, ne siamo consapevoli. Come Regione stiamo facendo, e abbiamo fatto, tutto il possibile, sapendo che la scuola è statale, non regionale. Ma ci siamo dati da fare, e devo dire che qui c’è anche l’esempio di come potrà essere la scuola del futuro: spazi belli, dove si può stare distanziati e in piena sicurezza. Dopodiché, credo sia l’unico caso in Italia di una Fiera in cui una parte degli spazi viene predisposta per la scuola. Un’eccezione, certo, visto il momento, e noi vogliamo che tornino presto le condizioni affinché tutti i ragazzi e le ragazze possano tornare nelle loro scuole, ma certo la dimostrazione della volontà comune di riprendere un percorso interrotto per troppo tempo”.

Bologna, che con il progetto “Scuola in fiera” nel padiglione 34 ospita in 75 aule 1.600 studenti di tre istituti superiori, ma anche tutte le altre province dell’Emilia-Romagna: l’intera Giunta regionale e la Regione, infatti, questa mattina era presente sul territorio, da Piacenza a Rimini, in 22 istituti diversi, per ripartire insieme agli studenti, ai docenti e a tutto il personale scolastico. E sempre oggi ha preso il via la campagna di comunicazione della Regione, “Torniamo tutti a scuola”, con uno spot radio, uno spot tv, una locandina, banner per testate web e un sito – www.torniamoascuolaer.itin costante aggiornamento, su cui trovare le informazioni utili per il rientro in sicurezza.

Un impegno, quello della Regione, che Bonaccini ha voluto ricordare: “Era importante riaprire: abbiamo lavorato molto, con Comuni e Province, la Città Metropolitana di Bologna, l’Ufficio scolastico regionale e un tavolo settimanale con i sindacati e i dirigenti scolastici. Abbiamo cercato di mettere insieme più temi, come il trasporto pubblico e i protocolli sanitari, e di lavorare in sinergia con tutti gli assessorati coinvolti”.

“Ci auguriamo – ha proseguito il presidente – che tutto vada per il meglio; certo, qualche quota di rischio necessariamente c’è, ma non potevamo tenere a casa ancora i nostri ragazzi. Un pensiero particolare va a chi insegna: dobbiamo gratitudine ai tantissimi docenti che in questo Paese ci permettono di ripartire e mettono sé stessi al servizio di un percorso educativo, sapendo anche quali rischi si corrono nel momento in cui si riparte”.

Anche dall’assessore regionale alla Scuola e Università, Paola Salomoni – presente con il presidente a Bologna – è arrivato il saluto e l’augurio: “In Emilia-Romagna l’anno scolastico comincia con molti tasselli già a posto. Come poi tutti sanno, ci sono procedure che richiedono ancora un po’ di tempo per arrivare a compimento, come quella del reclutamento dei docenti. Però– ha rimarcato l’assessore- l’anno inizia con fiducia. Le istituzioni continuano a lavorare, ora entrano in gioco i veri protagonisti: gli studenti, il personale e le famiglie”.

La Giunta sul territorio all’apertura dell’anno

Con il presidente Bonaccini a Bologna era appunto presente l’assessore Salomoni, che successivamente si è recata a Forlì, alla scuola primaria “Bersani” e all’Istituto tecnico tecnologico “Marconi”, e all’Istituto di istruzione superiore “Francesco Alberghetti” di Imola (Bo). La vicepresidente Elly Schlein ha partecipato all’inizio delle lezioni dell’Istituto di istruzione superiore “Archimede” di San Giovanni in Persiceto (Bo). Il sottosegretario alla presidenza della Giunta, Davide Baruffi, ha presenziato in due scuole, lo IAL – Centro per l’Automazione la Meccanica e i Servizi di Modena, e la scuola primaria “Leonardo Da Vinci” di Carpi. Paolo Calvano, assessore al Bilancio, è stato al Liceo scientifico “Roiti” e alla scuola primaria “Carducci” di Ferrara, e all’associazione Cnos/Fap di Forlì. Giornata piacentina per l’assessore allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla, presente da Tutor Formazione – società consortile a responsabilità limitata (ente a partecipazione pubblica dei Comuni) e all’ente Endo-Fap “Don Orione Borgonovo”.

E ancora: l’assessore ai Trasporti e Turismo, Andrea Corsini, si è recato all’Itis “Nullo Baldini” di Ravenna, mentre l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, a Casalecchio di Reno (Bo) all’Istituto tecnico commerciale statale “Salvemini”. Mauro Felicori, assessore alla Cultura, ha partecipato all’inizio del nuovo anno scolastico del Liceo scientifico “Fermi” di Bologna. L’assessore alla Montagna e Pari opportunità, Barbara Lori, è stata all’Istituto comprensivo “Toscanini” di Parma e all’Istituto comprensivo di Corniglio (Pr). All’istituto agrario “Zanelli” e all’istituto tecnico “Scaruffi/Levi/Tricolore” di Reggio Emilia è andato l’assessore all’Agricoltura, Alessio Mammi, mentre l’assessore all’Ambiente, Irene Priolo, è stata alla scuola secondaria di 1° grado “Simoni” di Medicina (Bo) e all’Istituto di istruzione superiore “Bartolomeo Scappi” di Castel San Pietro Terme (Bo). Infine, la presidente dell’Assemblea Legislativa, Emma Petitti, era a Rimini al Liceo scientifico “Einstein”.

 

Scroll Up