Home > La puèšia ad Muratori > Sè bréc sla palèda

Per la strèda ad Vróćć,/ a m’imbat spès t un vèć,/ che fà un gran bèl spéc,/ mèintre e’ va in zir sè bréc.

L’è vistìd dà rurèl,/ pèna d gal se capèl,/ strèt me còl e fazulèt,/ ló dà sdè sóra e’ carèt.

Us capès che òz ancóra,/ e’ brichin e’ fà figura,/ quii curiuš cume mè,/ j’à jèćć chi j mòr dré.

Dazà ch’ um piašaria,/ un quadrupèd pr’andè via,/ che mès a tir me bruzèin,/ e’ staria pròpi bèin.

E’ saria ‘na šburunèda,/ arivè zó sla palèda,/ sè carèt tirat da e’ bréc,/ che fà e’ vèrs ma chi réc,

ch’i stà ilé sal bèli fighi,/ sa dal machinòuni antighi,/ al Mercedes, al Bugati,/ al Ferari e al Masèrati.

Mè e e’ bréc tót bardèd,/ a sarèsme i pjó usèrvèd,/ sèinza dòbie chi pjó bèl,/ se non èlt per ès rurèl.

E’ saria cmè dè i s-ciafun,/ ma cla manga ad spacun,/ e fè véda che mè e e’ bréc,/ ui dém te fiòc ma chi réc.

Ivano Aurelio Muratori

Per la strada di Verucchio,/ m’ imbatto spesso in un vecchio,/ che fa un bello spicco,/ mentre va in giro col somaro.

E vestito da rurale,/ penna di gallo sul cappello,/ stretto al collo il fazzoletto,/ lui seduto sul carretto.

Si capisce che oggi ancora,/ il somaro fa figura,/ quelli curiosi come me,/ hanno gli occhi che gli muoiono dietro.

Che già mi piacerebbe,/ un quadrupede che mi portasse via,/ che messo a tiro al biroccino,/ starebbe proprio bene.

Sarebbe una sboronata,/ arrivare giù sulla palata,/ col carretto trainato dal somaro,/ che fà il verso a quelli ricchi,

che stanno lì con belle fiche,/ sopra delle macchinone antiche,/ le Mercedes, le Bugatti,/ le Ferrari e le Maserati.

Io e il somaro, tutti bardati,/ saremmo i più osservati,/ senza dubbio i più belli,/ se non altro per essere rurali.

Sarebbe come dare dei ceffoni,/ a quella manica di spacconi,/ e far vedere che io e il somaro,/ gli diamo nel fiocco ai ricchi.

Ultimi Articoli

Scroll Up