Home > La puèšia ad Muratori > Se canòun dla biciclèta

L’ éva còmpre e’ mi nòn,
la Umberto Dei da òm,
cun i frèin a stanghèta
‘na gran bèla biciclèta.

Mè a stèva sè canòun,
ch’um punzèva te cudrón,
me manòbri am tniva dur,
perché a vléva stè sicur.

Tótt i dé andèmie a spas,
sal strèdi pini d’sas,
ilé sóra us zuclèva,
e mè a m’incrichèva.

Quand ch’a séra indulid,
um tuchèva mòv i pid,
l’è suzès t un viaz,
che un l’è andè tra i raz.

Avém fat una caschèda,
a gamb rèt, té mèz dla strèda,
as sém šbóz znòci e brazi,
e mè e’ pid fnìd tra al razi.

Mè ma tèra ch’a pianzéva,
ló purèt che invèce um géva,
dai, sta só, nu pianz, dà rèta
munta só sla biciclèta.

T at ci splè sna un garèt,
a te fas se fazulèt,
ai dag e’ spud, té nu strid,
che ma chèša l’è guarid.

E pu u m’à fat prumèt,
che sla mi ma’ a stéva zét,
che racuntè dla caschèda,
ui saria stè la mazèda.

Sa pianzéva per e’ mèl,
u jéra l’uspidèl,
sa déva la cólpa me nòn,
j déva dl’invurnidòun.

Te fiòc a dì qualcòša,
an sém pas per di balòša,
quand i m’à vést e’ pid šbóz,
ò dét: l’è stè un scapóz!

Ivano Aurelio Muratori

SUL CANNONE DELLA BICICLETTA

Mio nonno aveva comperato,/ la Umberto Dei da uomo,/ coi freni a stanghetta,/ una gran bella bicicletta.

Io stavo sul cannone,/ che mi spingeva sull’osso sacro,/ mi tenevo stretto al manubrio,/ perché volevo star sicuro.

Tutti i giorni andavamo a spasso,/ sulle strade piene di sassi,/ lì sopra si don-dolava,/ ed io mi indolenzivo.

Quando ero indolenzito,/ mi toccava muovere i piedi,/ è successo in un viaggio,/ che uno è andato fra i raggi,

Abbiam fatto una caduta,/ a gambe per aria nel mezzo della strada,/ con abrasioni alle gambe,/ e al piede finito fra i raggi.

Io a terra che piangevo,/ lui poveretto che mi diceva,/ dai, sta su, non piangere, da’ retta,/ risali sulla bicicletta.

Ti sei spellato solo un calcagno,/ te lo fascio col fazzoletto,/ con la saliva, tu non strillare,/ che a casa è guarito.

E poi mi ha fatto promettere,/ che con mia mamma sarei stato zitto,/ che raccontare della caduta,/ ci sarebbe stata la mazzata.

Se piangevo per il male,/ c’èra l’ospedale,/ se davo la colpa al nonno,/ gli davano dell’invornitone.

Nel fiocco a dir qualcosa,/ non siamo passati per dei balosa,/ quando mi hanno visto il piede spellato,/ ho detto: è stato un inciampo.

Ultimi Articoli

Scroll Up