Home > La puèšia ad Muratori > Sè còmbre us magna, us bév e us lèva e’ muš

Sè còmbre us magna, us bév e us lèva e’ muš

E’ còmbre l’è bèl gròs,
tóta pólpa sèinza òs,
e’ pò bsè fina vint chèl,
e un si sà cumè ciapèl.

Fat a pala du che drèinta,
u jè la pòlpa e la smèinta,
ch’un stà béin a spudèla,
e mènc che mènc a magnèla.

Per capél ui vò tènt pòc,
s’us bat l’à da fè tóc,
per véda s’l’è bèl,
sla curtèla us fà e tasèl.

E una vòlta che tal spac,
bšägna che è faza crac,
se tan sint béin e’ scrèc,
purtróp t’an gn’è inzèc.

Se drèinta l’è cripèd,
sègn ch’l’è mèlandèd,
e un còmbre ch’l’è isé,
gnènca e’ pòrc ul vò magnè.

Se e’ culur l’è šbiavid,
u n’è gnènca sapurid,
quand ch’e’ menca e’ sapór,
us da indré me venditór.

Se la furtuna lat bèša,
tal tròv bel räs zarèša,
quèl l’è e’ còmbre gióst,
che a magnèl e’ darà góst.

E’ còmbre e’ vò ès giazèd,
che chèld l’è arvinèd,
us mèt prima tna mastèla,
sl’aqua frèsca dla canèla.

Per magnèl us fà dal fèti,
èmenc ad tré quatr’èti,
e sa èsi us fa tré uš,
us bév, us magna, us lèva e’ muš.

Epù dòp, in tót i chèš,
bšägna pulis bäca e nèš,
per mandè via e’ tacòun,
ui vò l’aqua e e’ savòun.

Ivano Aurelio Muratori

COL COCOMERO SI MANGIA, SI BEVE E CI SI LAVA LA FACCIA

Il cocomero è bello grosso,/ tutto polpa senza osso,/ può pesare fino a venti chili,/ e non si sa come prenderlo.

Fatto a palla dove dentro,/ ci sono la polpa e i semi,/ che non sta bene a sputarli,/ e men che meno a mangiarli.

Per sceglierlo ci vuole molto poco,/ se si batte, deve fare toc / per vedere se è bello,/ con la coltella ci si fa il tassello.

E una volta che lo apri,/ bisogna che faccia crac,/ se non senti bene lo scricchio,/ purtroppo non c’hai preso.

Se dentro è crepato,/ segno che è malandato,/ e un cocomero così,/ neanche il maiale lo vuole mangiare.

Se il colore è sbiadito,/ non è neanche saporito,/ quando manca il sapore,/ si dà indietro al venditore.

Se la fortuna ti bacia,/ lo trovi bello rosso ciliegia,/ quello è il cocomero giusto,/ che a mangiarlo darà gusto.

Il cocomero vuole essere fresco,/ che caldo è rovinato,/ si mette prima in un mastello,/ con l’acqua fresca del rubinetto.

Per mangiarlo si fanno delle fette,/ di almeno tre quattro etti,/ e con esso si fan tre usi,/ si mangia, si beve, ci si lava il muso.

E poi dopo, in tutti i casi,/ bisogna pulirsi bocca e naso,/ per mandar via il taccone,/ ci vuole acqua e sapone.

Ultimi Articoli

Scroll Up