Home > Ultima ora > La Cgil riminese porta il no agli asili ai privati in Europa

La Cgil riminese porta il no agli asili ai privati in Europa

I Segretari Graziano Urbinati della CGIL Rimini, Raymond Ruck della CGT Alsazia e Horst Raupp della DBG Assia Odenwald, nel corso del convegno “Dove va l’Europa? “ che si è svolto a Strasburgo sabato 19 novembre, hanno condiviso un documento a sostegno delle lavoratrici e dei genitori Riminesi impegnati nella lotta contro la privatizzazione della scuola pubblica dell’infanzia:

Contro la privatizzazione del welfare e per un ‘Europa sociale

Siamo contro alla privatizzazione dei beni comuni , istruzione , scuola , salute , acqua .. sono beni di tutti , dei lavoratori e delle lavoratrici del nostro continente, il diritto universale al sapere e alla salute non può essere mercificato e venduto per il profitto dei privati . Le Organizzazioni Sindacali della CGT dell’Alsazia (Francia ), della DGB dell’ Assia (Germania) sono vicine alla lotta delle lavoratrici , delle insegnati dei genitori e della CGIL di Rimini contro la privatizzazione dei servizi infanzia 0-6 da parte del Comune di Rimini.

I servizi dell’infanzia la scuola pubblica , sono una conquista di civiltà che non vogliamo cambiare , il percorso educativo deve esser un diritto garantito a tutti i bambini ed alle loro famiglie e non una concessione o un lusso , occorrono servizi uguali per tutti quantità e sopratutto in qualità .

Il lavoro deve essere valorizzato , tutelato e reso stabile e non precario ed è grave da parte di una Amministrazione Pubblica come quella del Comune di Rimini l’utilizzo della contrapposizione fra lavoratrici di scuole private , della cooperazione e quelle comunali facendo leva sul dumping contrattuale e sulla loro occupazione .

Purtroppo va registrato che come in latri casi in Europa anche l’amministrazione Comunale di Rimini applica alla lettera le decisioni della Commissione Europea e della Banca Centrale Europea : meno diritti nel lavoro , più privatizzazioni e precarietà , meno salario , meno welfare , ricette che stanno destrutturando l’idea sociale del nostro continente .

Scroll Up