Home > Cronaca > Sono oltre 1300 le vittime covid in provincia di Rimini da inizio pandemia

Sono oltre 1300 le vittime covid in provincia di Rimini da inizio pandemia

La tendenza si conferma: continua ad aumentare la curva epidemica in Romagna e la responsabile sarebbe la variante Omicron BA.2. Però negli ospedali il numero i pazenti in terapia intensiva diminuiscono ancora. In continua riduzione da 7 settimane anche il numero dei decessi. Però a in provincia di Rimini da inizio pandemia il totale delle vittine ha superato la soglia di 1.300.

Nella settimana dal 28 marzo al 3 aprile sono stati eseguiti 28.873 tamponi (molecolari e antigenici) registrando 7.750 nuovi casi positivi (27.0%). “Per la quarta settimana consecutiva – specifca AUSL Romagna – si registra un aumento dei nuovi casi sia in termini assoluti (+ 616) che percentuali verosimilmente in relazione alla diffusione della variante Omicron BA.2″.

In crescita il tasso d’incidenza totale dei nuovi casi negli ultimi sette giorni /100.000 abitanti in tutti i distretti dell’AUSL della Romagna. In prvincioa di Rimini sono quattro i comuni con numeri di nuovi positivi a tre cifre: 964 nel capoluogo, 198 a Riccione, 115 a Cattolica, 114 a Santarcangelo. Nel numero di malati, Rimini è a quota 1226, Riccione 271, Cattolica 141, Santarcangelo 137, Bellaria 123, Misano 114.

Il tasso di occupazione di posti letto da parte di pazienti affetti da COVID è ancora in crescita rispetto alla scorsa settimana ed in totale sono ricoverati 209 pazienti, mentre il numero di ricoverati in terapia intensiva è in calo.

“Considerando l’andamento dei nuovi casi – prosegue AUSL Romagna – dei ricoveri totali, dei ricoveri in terapia intensiva e decessi da inizio pandemia si vede come a differenza delle ondate precedenti l’aumento considerevole dei nuovi casi delle ultime settimane non ha corrispondenza di ricoveri e decessi in egual modo, grazie alla diffusione della vaccinazione”.

Complessivamente sono stati sospesi  perchè non vaccinati 139 operatori tra dipendenti e convenzionati in tutta l’azienda USL della Romagna. Sono 5 in meno rispetto alla settimana scorsa, tutti del personale samitario non medico: uno a Ravenna e 4 a Rimini.

Per quanto riguarda la situazione nelle scuole, i contagi riguardano soprattutto le medie inferiori e superiori.

I vaccinati nei centri AUSL Romagna al 4 aprile sono 903.229 con prima dose, 865.811 con seconda dose, 588.740 con terza dose e 2.035 con quarta dose la cui somministrazione è iniziata il 1 marzo, a cui vanno aggiunte 108.592 dosi somministrate dai MMG.

Mentre la provincia di Forlì-Cesena ha quasi raggiunto quella di Ravenna, la copertura vaccinale a Rimini resta notevolmente al di sotto, con le ormai consoldate differenze fra Comune e Comune.

Ultimi Articoli

Scroll Up