Home > Cronaca > Spese pazze Pdl, Pm chiede condanna di Marco Lombardi e Gioenzo Renzi

Spese pazze Pdl, Pm chiede condanna di Marco Lombardi e Gioenzo Renzi

Tre anni di reclusione per Marlo Lombardi, due anni e otto mesi per Gioenzo Renzi: sonio queste le richieste del pubblico ministero nel processio per le “spese pazze” del gruppo Pdl nel consiglio regionale dell’Emilia Romagna. Oltre alle richieste per i due ex consiglieri riminesi, altre otto di condanna a, con pene dai 2 anni e 2 mesi a 4 anni, e due di assoluzione.

Si è conclusa così la requisitoria della pm Antonella Scandellari, davanti al giudice del Tribunale di Bologna Stefano Scati, nei confronti dei 12 ex consiglieri regionali del Pdl accusati di peculato e finiti a processo per le spese messe a rimborso del gruppo. Tra i politici per i quali la pm ha chiesto l’assoluzione c’è Galeazzo Bignami, attuale deputato di Forza Italia, mentre per un’altro parlamentare azzurro, il senatore Enrico Aimi, l’accusa ha chiesto una condanna a 2 anni e 8 mesi.

Alcuni degli imputati rispondono per i rimborsi del gruppo Pdl tra il 2010 e il 2011, altri erano nei gruppi di Fi e An nella legislatura precedente e le spese finite sotto osservazione riguardano il periodo dall’inizio del 2009 al maggio del 2010. La pm durante il suo intervento ha sottolineato come le spese contestate inizialmente agli ex consiglieri si sono comunque ridotte.

Nel dettaglio, Scandellari ha chiesto al collegio presieduto dal giudice Stefano Scati di assolvere Galeazzo Bignami e Gianni Varani, chiedendo invece di condannare a quattro anni Luca Bartolini, a tre Luigi Giuseppe Villani, Marco Lombardi, Giorgio Dragotto ed Alberto Vecchi, a due anni e otto mesi Enrico Aimi, Gioenzo Renzi, Luigi Francesconi e Gianguido Bazzoni, e a due anni e due mesi Andrea Pollastri“

Scroll Up