Home > Cronaca > “Spostare o rimandare Jova Beach Party”: esposto di ambientalisti alla procura di Rimini

“Spostare o rimandare Jova Beach Party”: esposto di ambientalisti alla procura di Rimini

Il concerto di Jovanotti sulla spiaggia di Miramare va spostato o rinviato. E’ quanto chiedono in un esposto inviato anche alla Procura della Repubblica di Rimini AsOER – Associazione Ornitologi dell’Emilia-Romagna ODV, ITALIA NOSTRA Rimini, CIRCOLO LEGAMBIENTE “DELTA DEL PO” di Comacchio APS, LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli. Secondo le associazioni, le due coppie di fratini, piccoli trampolieri che nidificano nei pressi, correrebbero gravi rischi.

“Il Fratino (Charadrius alexandrinus) – ricordano le associazioni ambientaliste – è un piccolo uccello che nidifica sulle spiagge europee. In Europa dall’inizio del secolo vi è stata una consistente diminuzione. In Italia è stimata una popolazione inferiore a 700 coppie, in continua diminuzione. In Emilia-Romagna rimangono ormai solo 30-40 coppie (un decimo di quelle presenti negli anni ’80). La specie depone in Aprile-Maggio direttamente in piccoli avvallamenti della sabbia da 1 a 3 uova e può, in caso di insuccesso, tentare una seconda nidificazione tra Maggio e Giugno. Il periodo di incubazione delle uova è di 24-27 giorni. I piccoli, dopo 24/36 ore dalla nascita, seguono i genitori alla ricerca di cibo; sono in grado di volare a 28 giorni di età”.

Le associazioni si rivolgono quindi perché intervengano alla Procura della Repubblica di Rimini, ai Carabinieri forestali, ai Comuni di Rimini e di Riccione.

“A causa delle condizioni meteo climatiche eccezionali verificatesi nel mese di maggio – spiegano – la riproduzione delle coppie di Fratino precedentemente segnalate ai Comuni di competenza   è fallita. Due di queste coppie hanno poi rideposto le uova nella zona di Miramare e, dopo pochi giorni dalla schiusa, hanno portato tra il 21 e il 22 giugno i pulcini nel tratto di spiaggia che si estende tra la colonia Bolognese e la foce del Marano. L’ubicazione delle due coppie, ognuna delle quali con due pulcini, è stata monitorata sino ad oggi quasi quotidianamente dai volontari di AsOER e la loro protezione è stata garantita anche dall’apprezzabile appoggio del comune di Rimini, nella persona dell’Assessore Anna Montini”.

“I suddetti pulcini saranno in grado di volare non prima del 15 luglio e, considerato che al concerto Jova Beach Party del 10 luglio parteciperanno circa 40.000 persone e la pressione antropica nel tratto di spiaggia interessato sarà elevatissima anche nei giorni precedenti e successivi al concerto, che le due coppie possono essere molto mobili e frequentano due aree diverse, esiste un’elevata probabilità che vengano schiacciati ed involontariamente uccisi”.

“Riteniamo inoltre che la guardiania proposta dall’organizzazione del concerto o altre soluzioni come recinzioni temporanee attorno alle due coppie risulterebbero probabilmente inefficaci in una situazione di suoni ad altissimo volume, luci forti etc.”.

“Chiediamo pertanto che lo svolgimento del Jova Beach Party del 10 luglio sia spostato in altro luogo o sia rinviato a data successiva al 25 luglio, in considerazione dell’elevato interesse conservazionistico della specie e della protezione che le leggi vigenti le assicurano”.

“In caso di svolgimento del concerto il 10 luglio, i volontari di AsOER e delle altre associazioni continueranno il monitoraggio dell’andamento riproduttivo sia in fase di preparazione, di eventuale svolgimento del concerto e di  successivo abbandono dell’area, segnalando ed eventualmente denunciando i responsabili della mancata attuazione degli interventi necessari per la sopravvivenza dei pulcini presenti”, concludono le associazioni ambientaliste.

Scroll Up