Home > Politica > Svelato il cronoprogramma, rotatorie SS 16 di Rimini pronte nell’ottobre 2022

Svelato il cronoprogramma, rotatorie SS 16 di Rimini pronte nell’ottobre 2022

“Nei giorni scorsi ho chiesto e ottenuto da ASPI (Autostrade per l’Italia) un aggiornamento sul cronoprogramma dei lavori per gli interventi sulla SS16. Tema tanto importante per il nostro territorio quanto annoso, visti i ritardi accumulati negli anni”. Lo annuncia il senatore riminese del MoVimento 5 Stella Marco Croatti.

Il programma aggiornato prevede che l’intervento più lungo e complesso, ossia la rotatoria tra la SS16 e la SS71 (Consolare di San Marino), comincerà a marzo 2021 e si concluderà ad ottobre 2022, dopo circa 19 mesi di lavori.
La rotatoria tra la SS16 e via Montescudo sarà completata prima, nel febbraio 2022, con i lavori che partiranno a settembre 2021, dopo circa 6 mesi di cantiere.

Gli interventi previsti sulla Statale 16 saranno 9, oltre alle due rotatorie compongono questo pacchetto di interventi la realizzazione di nuovi tratti di viabilità ordinaria, sottopassi cicolpedonali e tratti di piste ciclabili che al termine dei lavori saranno dati in proprietà e gestione, in base alle proprie competenze, ad ANAS; Provincia di Rimini e Comuni di Rimini, Riccione, Misano Adriatico, Coriano.

L’impegno complessivo di spesa supera i 32 milioni di euro ed è completamente a carico di ASPI Autostrade per l’Italia.

“È indispensabile continuare a tenere alta l’attenzione su questi interventi affinchè ASPI rispetti questo cronoprogramma senza ulteriori ritardi. La nostra provincia ha urgente necessità di dotarsi di queste fondamentali opere viarie e chiudere i due buchi neri sulla Statale 16 che creano enormi problemi di viabilità con pesanti ricadute sulla qualità della vita, l’inquinamento, l’economia del territorio e i flussi turistici. L’apertura di questi cantieri a marzo rappresenterebbe anche una importante iniezione di fiducia per un territorio che sta attraversando una fase difficilissima e che ha bisogno di segnali positivi per rilanciarsi e guardare al futuro con maggiore ottimismo”, conclude Croatti.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up