Home > La puèšia ad Muratori > T ci rimnéš se

T ci rimnéš se la matèina,/ t ciap só e t vè a marèina,/ sla punta dla palèda,/ per aspitè l’alvèda.

T ci riminéš per davèra,/ se prima ch’us faza séra,/ t’artòrne sla palèda,/ per véda la calèda.

T ci rimnéš ad sicur,/ se t’ vé in piaza Cavour,/ da sdé säta e’ cumun,/ per zcär sa qualchedun.

T ci rimnéš, un sipulèin,/ se t sint sóbti e’ garbèin,/ e da che mumèint ch’ilé,/ t ci incazèd per dó tré dé.

T ci rimnéš se te nibiòun,/ tat pèrd cume un quajòun,/ sinènt che un’alma sènta,/ lat chéva da ilé drèinta.

T cì rimnéš d pura raza,/ se t diš un caz t amaza,/ e t mand in te cašèin,/ tótt quii ch’in ti stà bèin.

T ci rimnéš véramèint,/ se t mand un azidèint,/ mu n’amig per salutèl,/ sèinza ch’ui arvènza mèl.

T ci rimnéš per dirét,/ se t vè mat per i caplét,/ se lit pièš al dòni bèli,/ e se t magn al tajadèli.

T ci rimnéš e t fè e’ pataca,/ e quand che pu it zaca,/ e ma tèra it bóta zó,/ t ci capèzi da stè só.

T ci rimnéš s ut pièš,/ la pièda e e’ sanzvéš,/ e parsót e la purchèta,/ e andè in zir in biciclèta.

T ci rimnéš se t ci tistòun,/ e t vò ‘vè sèimpre rasòun,/ per nu pèrd pu la faza,/ t an zéd gnènca s’i t’amaza.

T ci rimnéš, per dabòn,/ se ‘na muliga t ci sburòun,/ perché se t an t ci isé,/ it ciapa per un d Furlé.

T ci un rimnéš pèrfèt,/ se t zòg a pisalèt,/ a l’òm nér a ròba maz,/ quand ta n’è da fè un caz.

T ci rimnéš se t diš va là,/ se t vò bèin ma la ma’,/ ma la möj, me chèn, me gat,/ e mi fiul che t’è fat.

T ci rimnéš a tótt i còst,/ se t stè bèin sna t un pòst,/ ch’l’è Rémin, la tu zità,/ per tót quèl che lat dà.

Ivano Aurelio Muratori

Sei riminese se la mattina,/ prendi su e vai a marina,/ sulla punta della palata,/ per aspettare la levata.

Sei riminese per davvero,/ se prima che si faccia sera,/ritorni sulla palata,/ per vedere la calata

Sei riminese di sicuro,/ se vai in Piazza Cavour,/ seduto sotto al Comune,/ per parlare con qualcuno.

Sei riminese, un seppiolino,/ se senti subito il garbino,/ e da quel momento lì,/ sei incazzato per due tre giorni.

Sei riminese se nel nebbione,/ ti perdi come un coglione,/ finché un anima santa,/ non ti togli da lì dentro.

Sei riminese di pura razza,/ se dici un cazzo che ti ammazzi,/ e mandi nel casino,/ tutti quelli che non ti stanno bene.

Sei un riminese veramente,/ se mandi un accidente,/ a un amico per salutarlo,/ senza che ci rimanga male.

Sei riminese per diritto,/ se vai matto per i cappelletti,/ se ti piacciono le donne belle,/ e se mangi le tagliatelle.

Sei riminese e fai il pataca,/ e quando poi ti schiacciano,/ e a terra ti buttano giù,/ sei capace di rialzarti.

Sei riminese se ti piacciono,/ la piada e il sangiovese,/ il prosciutto e la porchetta,/ e andare in giro in bicicletta.

Sei riminese se sei testone,/ e vuoi avere sempre ragione,/ per non perdere poi la faccia,/ non cedi neanche se ti ammazzano.

Sei riminese per davvero,/ se sei un po’ sborone,/ perché se non sei così,/ ti prendono per uno di Forlì.

Sei un riminese perfetto,/ se giochi a piscialetto,/ all’uomo nero, a rubamazzo,/ quando non devi fare un cazzo.

Sei riminese se dici va là,/ se vuoi bene alla mamma,/ alla moglie, al cane, al gatto,/ e ai figli che hai fatto.

Sei riminese a tutti i costi,/ se stai bene solo in un posto,/ che è Rimini la tua città,/ con tutto quello che ti dà.

Ultimi Articoli

Scroll Up