Home > Ultima ora cronaca > Rimini, tentano furto in una panetteria a Marina Centro, sorpresi da titolare

Rimini, tentano furto in una panetteria a Marina Centro, sorpresi da titolare

Nottata movimentata a Marina Centro di Rimini. Gli uomini della Squadra Mobile della Polizia di Stato hanno tratto in arresto cinque ragazzi, tra cui un minorenne, per una serie di furti e rapine. Si tratta, nei dettagli, di episodi slegati tra loro che vedrebbero coinvolti cinque giovani di origine africana nati in Italia.

In particolare un turista è stato derubato dei propri effetti personali mentre dormiva su una panchina da due giovani, mentre un minorenne e un complice avrebbero tentato una spaccata ai danni di un panetteria di Viale Vittorio Veneto per prelevare il fondo cassa. Tentativo però vano perchè come è noto, nella notte panifici sono tutt’altro che chiusi. Il furto è stato tentato da di Z.F. diciannovenne residente a Mantova e di origine magrebina e l’amico, anche lui residente a Mantova e di origine magrebina, non ancora maggiorenne. I 3 giovani, sorpresi dal titolare e dal dipendente della panetteria nell’intento di rubare, si sono immediatamente dati alla fuga inseguiti dai due uomini.

Il minorenne è stato fermato dal titolare della panetteria mentre uno dei due è stato poi ritrovato dietro un frigo mentre l’altro è riuscito a dileguarsi. Il ragazzo catturato, al fine di divincolarsi dalla presa del panettiere lo colpiva con calci, pugni e spintoni vari all’altezza del petto ma alla fine l’uomo riusciva ad avere la meglio.

Gli uomini della volante sono riusciti ad arrivare sul posto pochi minuti dopo della chiamata alla Sala Operativa e ad evitare che il giovane continuasse a picchiare il personale della panetteria. La dinamica dei fatti prospettata dai dipendenti dell’esercizio commerciale veniva confermata dal ritrovamento di strumenti di effrazione utilizzati per scassinare la porta del locale.

Anche il personale del posto di Polizia di Riccione ha fatto sentire la sua presenza eseguendo un ordine di carcerazione per una condanna per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti  di 2 anni 9 mesi e 15 giorni, di un quantaquatrenne napoletano.

 

Scroll Up