Home > Mondo > Terza guerra mondiale? PD Rimini scrive a Letta: “Partito apra discussione libera”

Terza guerra mondiale? PD Rimini scrive a Letta: “Partito apra discussione libera”

Terza guerra mondiale? Il PD della provincia di Rimini scrive al segretario Enrico Letta per chiedere che si apra subito nel partito una “discussione libera e partecipata a una domanda sul presente e sul futuro, sulla pace, sulla diplomazia, ricercando fino all’ultimo la possibilità che non scada il countdown nell’indifferenza generale”.

La direzione provinciale dei Dem si è tenuta ieri, 27 aprile, ed “ha posto tra i temi in discussione anche una riflessione del paritto territoriale sugli scenari aperti dopo lo scoppio del conflitto, ormai internazionale, e la conseguente necessità di aprire una riflessione ampia nel nostro partito, anche nelle conseguenti azioni che intraprendiamo a livello governativo ed europeo”.

Di qui la comunicazione congiunta del segretario provinciale del PD Filippo Sacchetti, del presidente della provincia Riziero Santi e del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, a nome dei sindaci e della comunità del Pd riminese “in rappresentanza di una comunità ampia di persone che si stanno ponendo interrogativi e riflessioni”.

LA LETTERA

Alla segreteria nazionale del Partito Democratico,
Al segretario nazionale, Enrico Letta,

scriviamo questa lettera aperta per metterti a conoscenza della fortissima preoccupazione delle nostre comunità e della nostra gente riguardo il rapido e incontrollato crescendo di parole, dichiarazioni, atteggiamenti che conducono tutti nella drammatica direzione di una escalation bellica allargata al livello globale.

Le ultime ore, in tal senso, sono state indicative per quanto devastanti. Diversi leader o portavoce di Paesi europei e non europei hanno depositato con estrema leggerezza ai media affermazioni in cui esplicitamente si parla di ‘guerra nucleare’.

Quello che per decenni è stato anche un tabù lessicale, figlio della tragedia dell’ultima guerra tra continenti e della successiva ricostruzione di un orizzonte libero, democratico, non violento, ora è diventato argomento normale di dibattito in tv, sui giornali e ogni altro mezzo di comunicazione.

Se la diplomazia e la politica si trasformano in una arena governata da impulsi vuoti di razionalità, il rischio è quello di un progressivo scivolamento per forza d’inerzia in una mobilitazione bellica generale. Una sorta di irresponsabile sonnambulismo della ragione che ormai perimetra quell’azione diplomatica necessaria, ostinata e determinata nei confronti della Russia di Putin, feroce, ingiustificato e ingiustificabile invasore dell’Ucraina, esclusivamente nel campo delle dotazioni belliche per riforniscano il popolo invaso.

La storia ci insegna che questa non può e non deve essere l’unica strada.
Spesso, anche nel Partito democratico, viene preso a modello fondante una figura come quella di John Fitzgerald Kennedy. Proprio il Presidente americano seppe risolvere, insieme al suo corrispettivo sovietico Kruscev, la drammatica crisi dei 13 giorni facendo valere fino all’ultimo secondo di un countdown che pareva inesorabile la forza e l’evidenza razionale di una trattativa che avrebbe evitato al mondo di scivolare in una nuova e più terribile guerra.

Qualcuno ha detto che ‘una nuova guerra comincia quando si perde memoria di quella precedente’. Ma nell’escalation verbale di questi giorni e di queste ore si apre una voragine ancora più sconcertante della sola amnesia: è la banalità degli argomenti, l’approccio quasi ludico alla complessità e alla sofferta sedimentazione in anni di temi come la geopolitica, la quasi totale assenza della valutazione dei danni umani e materiali di un conflitto allargato a trazione nucleare.

Evidentemente la cultura della superficie, e cioè che qualunque argomento possa essere ridotto e svilito a un poco informato confronto ‘o bianco o nero’, si è inserita anche in questa che non può che essere la discussione delle discussioni.

Per questo, caro Enrico, ti scriviamo, essendo il Partito Democratico ormai l’unica forza politica popolare che ha esplicitamente nel suo dna e nella sua pratica il mezzo e il fine del confronto. Se le Agorà del PD sono i nuclei di una discussione allargata, in cui partito e società tutta trovano il tempo e le ragioni di una dialettica tra idee e quindi sintesi, allora su un tema così importante come una terza guerra mondiale già buttata lì come ipotesi deve essere affrontato e discusso negli ambiti nazionali, regionali e locali.

Francamente non sappiamo individuare alcun argomento superiore a questo per riunire le nostre Agorà e discutere. Crediamo che oggi, ora, il contributo più alto e grande che possa dare il PD, architrave della nostra democrazia e della repubblica, debba essere la discussione libera e partecipata a una domanda sul presente e sul futuro, sulla pace, sulla diplomazia, ricercando fino all’ultimo la possibilità che non scada il countdown nell’indifferenza generale.

Ultimi Articoli

Scroll Up