Home > La puèšia ad Muratori > Tla Castlaza tanimòdi lin gni pasa

Tla Castlaza tanimòdi lin gni pasa

La zèinta la n’è séma,/ sla diš ch’u jè un prublèma:/ ch’un si zira in zità,/ la rašòun la la jà.

Un s’capès ch’um ch’us faza,/ a prètènd che tla Castlaza,/ sal stradini ad dó mètri e mèz,/ ui pòsa pasè un scról ad mèz.

Bšägna dès ‘na radanèda,/ mo un si po’ slarghè la strèda,/ per la bòna rašòun,/ ch’u jè ilé gl’abitaziòun.

Per dè una rispòsta,/ j’architét jè fat apòsta,/ jè sèimpre dré a studiè,/ qualcosa jà d’armidiè.

L’è mèj ch’i daga rèta,/ che la zèinta la aspèta,/ ènzi la s’è stòfa,/ la šmocla e la sbófa.

Ragiunand per còunt mi,/ mè qualcosa al vòj dì,/ s’un si zira per la strèda,/ un po’ d còlpa l’è di fóristrèda.

Jè lóng e’ dópi de nurmèl,/per fòrza pu ch’us zira mèl,/i cia- pa tót la carzèda,/ in gni stà pr’e’ läng sla strèda.

Al strèdi al gl’j’è quèli ch’ilé,/ lin si pò miga šlunghè,/ e’ car- do e e’decumèn,/ jè stè fat da j rumèn.

Al strèdi fati da chènt,/ li n’è länghi pijó d tènt,/ da cla vòlta ch’ilé,/ agl’jè arvènzi tóti isé.

I rumèn ch’jandèva in biga,/ j pasèva sèinza fadiga,/ mo i foristrèda lóng ‘na masa,/ me d’ilé in gni pasa.

Quatre ad quii us capès,/ che la strèda i la impnès,/ e quii ch’jè didré,/ in fa èlt che sunè.

A ciapèsla sla strèda,/ l’è ‘na roba insènsèda,/ s’i fós lóng la mità,/ e’ saria mej per tóta la zità.

Ivano Aurelio Muratori

La gente non è scema,/ se dice che c’è un problèma:/ che non si gira in città,/ la ragione ce l’ha.

Non si capisce come si faccia,/ a pretendere che nella Castellaccia,/ con le stradine di due metri e mezzo,/ ci possano passare un sacco di mezzi.

Bisogna darsi una sistemata,/ ma non si può allargare la strada,/ per la buona ragione,/ che ci son lì le abitazioni.

Per dare una risposta,/ gli architetti son fatti apposta,/ sono sempre dietro a studiare,/ qualcosa devono rimediare.

È meglio che diano retta,/ che la gente aspetta,/ anzi si è stancata,/ smoccola e sbuffa.

Ragionando per conto mio, io qualcosa lo voglio dire:/ se non si gira per la strada,/ un po’ di colpa è dei fuoristrada.

Sono lunghi il doppio del normale,/ per forza poi che si gira male,/ prendono tutta la carreggiata,/ non ci stanno per il lungo sulla strada.

Le strade sono quelle lì,/ il cardo e il decumano,/ non si possono mica allungare,/ son stati fatti dai romani.

Ultimi Articoli

Scroll Up