Home > La puèšia ad Muratori > Tra mè e léa u jè parità

A chèša nòsta u jè zà,
la cumplèta parità,
tra nun dó u jè rispét,
e a durmém int e’ stès lèt.

Quand ch’us trata da stè só,
an s’alzém tót i dó,
léa la va a fè e’ cafè,
e mè a stàg bòn ilé.

Tènimòdi léa lal sa,
l’è per la parità,
che chi è pjó strac di dó,
e’ stà té lèt un po’ d pjó.

Dòp a faz tót ad vulèda,
a dag ‘na bèla spazèda,
pu ma tèra ai pas e’ straz,
lan pò dì ch’an faz un caz.

Léa la pulès tòt la chèša,
mè a vag a fè la spèša,
quii ch’im véd in zità,
im diš os-cia ad parità!

Léa la fnès al su fazèndi,
intènt mè a vèrz al tèndi,
a pulès i védre e i spéćć,
ch’a sò fiac e un po’ pjó vèć.

Questa l’è la parità,
ch’jà pjó fòrza pjó e’ fà,
an gni nèg i su dirét,
l’è che spèss an stàg drét.

An ragném per i quatrèin,
ma léa a la faz stè bèin,
ai dag tót e’ mi sustègn,
e e’ mi bluchèt d’ jaségn.

La parità la jè da bòn,
léa la fóma com un òm,
la bév ad pjó d’un vèć,
la magna ènca parèć.

La parità lan gn’è,
quand ch’a fém da magnè,
léa sätcóga mè cóg,
léa ch’lan stà me zógh.

La dmanda la parità,
mè però ai dég ad na,
perché e’ cóg ul pò fè,
sna un brèv che e’ sà fè.

Ivano Aurelio Muratori

TRA ME E LEI C’È PARITÀ

A casa nostra c’è già,/ la completa parità,/ tra noi due c’è rispetto,/ e dormiamo nello stesso letto.

Quando si tratta di star su,/ non ci alziamo tutti e due,/ lei va a fare il caffè,/ e io sto buono lì.

Tanto lei lo sa,/ e per la parità,/ che chi è più stanco dei due,/ sta nel letto un po’ di più.

Dopo faccio tutto di volata,/ dò una bella scopata,/ poi passo lo straccio per terra,/ non può dire che non faccio un cazzo.

Lei pulisce tutta la casa,/ e io vado a far la spesa,/ quelli che mi vedono in città,/ mi dicono osta che parità!

Lei finisce le sue faccende,/ intanto io tiro le tende,/ pulisco i vetri e gli specchi,/ che sono fiacco e un po’ più vecchio.

Questa è la parità,/ chi ha più forza più fà,/ non le nego i suoi diritti,/ è che spesso non sto dritto.

Non litighiamo per i quattrini,/ a lèi la faccio star bene,/ le dò tutto il mio sostegno,/ e il mio blocchetto degli assegni.

La parità c’è davvero,/ lei fuma come un uomo,/ beve di più di un vecchio,/ e mangia anche parecchio.

La parità non c’è,/ quando facciamo da mangiare,/ lei sottocuoca, io cuoco,/ lei che non sta al gioco.

Domanda la parità,/ io però le dico di no,/ perché il cuoco lo può fare,/ solo uno che sa fare.

Ultimi Articoli

Scroll Up