Home > Primo piano > Trasporti scolastici, il piano della Regione per ripartire

Trasporti scolastici, il piano della Regione per ripartire

L’Emilia-Romagna è pronta a mettere in campo fino a 540 mezzi in più per potenziare il trasporto pubblico locale per la ripresa della scuola a settembre, se la capienza dovesse scendere al 50%. Confermati anche i controlli alle fermate, ad opera di Forze dell’ordine e steward, mentre gli autobus saranno dotati di pellicole sanificanti per coprire i corrimano e tutte le parti di contatto.

Dopodomani, lunedì 2 agosto, la Regione ha in programma un vertice con tutte le aziende del tpl (compresa Trenitalia-Tper che gestisce le linee ferroviarie regionali) per fare il punto della situazione. A spiegarlo è l’assessore ai Trasporti, Andrea Corsini, questa mattina a margine di una conferenza stampa in videocollegamento. “Non sappiamo ancora quali decisioni il Governo prenderà sulla didattica, a distanza o meno – sottolinea Corsini – il nostro augurio e il nostro lavoro è che dal 13 settembre tutti gli studenti siano in classe in presenza”. Al momento la capienza sui mezzi è all’80% e dovrebbe essere confermata anche per la ripresa delle lezioni. “Noi saremo pronti – assicura Corsini – ci eravamo già organizzati, nella fase della capienza al 50%, con 540 mezzi aggiuntivi. Poi una parte è stata messa a riposo col passaggio all’80%. Se si riparte così, non serviranno tutti i 540 mezzi aggiuntivi: ne serviranno un po’ meno. Ma noi siamo comunque già pronti”.

Da settembre, ricorda tra l’altro l’assessore, scatterà la gratuità del biglietto per il tragitto casa-scuola anche per i ragazzi dai 14 ai 19 anni (con tetto Isee familiare fino a 30.000 euro), quindi non più solo per gli under14. Di conseguenza, segnala l’assessore, “ci aspettiamo anche un incremento di ragazzi che prenderanno l’autobus”. Nel frattempo sono in corso interventi per rendere i mezzi più sicuri, ad esempio dotandoli dei plexiglass per proteggere gloi autisti e di pellicole ionizzanti con cui coprire i corrimano e le parti di contatto. In accordo con le Prefetture e le aziende di trasporto pubblico, inoltre, saranno confermati anche i controlli alle fermate per evitare assembramenti, schierando sia le Forze dell’ordine sia steward privati.

(Agenzia DIRE)

Ultimi Articoli

Scroll Up