Home > Primo piano > Truffe falsi operatori, con le bollette SGR arriverà opuscolo dei Carabinieri

Truffe falsi operatori, con le bollette SGR arriverà opuscolo dei Carabinieri

Truffe e raggiri sono purtroppo all’ordine del giorno e impongono di mantenere alta l’attenzione, soprattutto se le vittime dei tentati tranelli sono le persone anziane. La ‘fantasia’ nell’architettare questi comportamenti illegali genera situazioni talvolta imprevedibili e si rende necessaria una rinnovata azione in termini di prevenzione.

Nasce per questo, per mettere in guardia i cittadini su comportamenti e modalità dietro cui si celano potenziali inganni, l’iniziativa del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri che ha prodotto un opuscolo contenente i suggerimenti da adottare nelle varie situazioni ed evitare di cadere nella trappola del raggiro.

Gruppo SGR ha sposato questa iniziativa, offrendo la sua collaborazione per darne la più ampia diffusione. Nei prossimi sei mesi, alle bollette inviate ai 205.000 clienti luce e gas, verrà quindi allegato l’opuscolo realizzato in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri della Provincia di Rimini.

Molte potenziali truffe si verificano proprio in ambito luce e gas, celate dietro falsi operatori commerciali che cercano di sottrarre dati personali o con l’obiettivo di convincere al cambio di azienda fornitrice. Ciò spesso non avviene sulla base di una reale convenienza commerciale, ma utilizzando espedienti e falese informazioni su risparmi impossibili e accettati dall’interlocutore senza che possa accorgersene e comunque senza avere elementi oggettivi per una decisione consapevole.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina nella Sala Acqua del Centro Congressi SGR dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Mario La Mura, e dal Direttore Mercato Gas ed Energia Elettrica del Gruppo SGR, Lorenzo Pastesini.

Spiega il Colonnello Mario La Mura: “I Carabinieri, come da tradizione, stanno investendo molto nella vicinanza alla popolazione puntando soprattutto sulla prevenzione dei reati. I cittadini hanno un ruolo di protagonisti e non più solo di osservatori o, di vittime, dell’azione di contrasto all’illegalità. Il concetto che l’Arma intende diffondere e condividere con la popolazione di ogni età è, infatti, quello secondo cui nessuno è esente dall’applicazione di piccole regole di buon senso, poiché la sicurezza che ogni persona desidera nella vita di tutti i giorni, parte dai piccoli gesti”.

Pertanto: “L’immancabile impegno quotidiano dei militari dell’Arma, se accompagnato dalla consapevolezza di ogni persona nei comportamenti e nelle azioni quotidiane, può davvero creare una salda e fitta rete di sicurezza, secondo il concetto della cosiddetta sicurezza partecipata. Il pieghevole realizzato con il Gruppo SGR, che nella circostanza intendo ringraziare per la sensibilità e disponibilità dimostrata, si ritiene molto utile per le raccomandazioni in esso contenute e di cui si confida una pedissequa applicazione in tutte le situazioni potenzialmente a rischio”.

 E Lorenzo Pastesini: “Abbiamo aderito con convinzione all’iniziativa del Comando Provinciale dei Carabinieri perché crediamo che serva una buona informazione per evitare che i cittadini, soprattutto gli anziani, possano cadere nelle truffe. Noi stessi abbiamo ricevuto negli ultimi mesi numerose segnalazioni di azioni spregiudicate al fine di catturare i dati personali o per la migrazione di operatore all’insaputa del cliente. Abbiamo reagito producendo contenuti e diffondendoli, proprio per fornire una informazione con l’obiettivo di generare scelte consapevoli. Si aggiunge ora un altro elemento, la partnership con l’Arma dei Carabinieri che ringraziamo per la fiducia ricevuta”.

Ultimi Articoli

Scroll Up