Home > Economia > Turismo, i dati della Regione confermano le difficoltà di questa stagione. Tutti i dati per comuni

Turismo, i dati della Regione confermano le difficoltà di questa stagione. Tutti i dati per comuni

Pubblicati dalla Regione i dati turistici del primo semestre del 2018. Sono gli unici certificati dall’Istat e pertanto riconosciuti a livello nazionale ed europeo.

Il dato regionale registra un incremento del 4% sui pernottamenti e del 3,6 % sugli arrivi.
Si tratta, in realtà di un dato che vede località con forti incrementi ed altre con incrementi modesti o negativi.

Le province dell’Emilia confermano la tendenza positiva data dal traino dei voli di Ryanair su Bologna. Incrementi in positivo sia negli arrivi ma soprattutto nei pernottamenti.

Da segnalare che le realtà costiere oltre a registrare un incremento meno importante rispetto al 2017 e nel caso di Ferrara ad un segno negativo permane un incremento inferiore nei pernottamenti rispetto agli arrivi. Questo significa una riduzione della permanenza media ed anche una inevitabile riduzione dei fatturati.

La provincia di Rimini si colloca tra le prime di quelle costiere.
Questi i dati suddivisi tra i vari comuni:

Molto bene Riccione e Cattolica, in perdita Bellaria e Misano, in crescita contenuta Rimini.

Ma anche in questo caso gli ottimi risultati indicano un numero di arrivi superiore al dato delle presenze. Il dato provinciale ad esempio incrementa gli arrivi del 3,2% rispetto alla stessa data del 2017 ma a cui corrisponde un incremento delle presenze solo del 2,6%.

Interessante prendere in considerazione dai dati della Regione  l’andamento del mese di Giugno. Il primo vero mese che si può definire balneare.

I dati Istat confermano la percezione generale  ed i dati delle singole attività degli operatori turistici. Le condizioni meteo (meno weekend con il sole), la concorrenza di altre località turistiche hanno fatto diminuire gli arrivi in modo significativo del 6,7% su base provinciale con punte di oltre il 10% a Bellaria ed anche le presenze.
Tutte le province della Destinazione Romagna registrano un segno meno con la punta più alta che si registra a Ferrara – 13%.

Interessante la provenienza dei turisti esteri.
Mantiene la prima posizione nella provincia di Rimini il turistica tedesco, al secondo posto i russi. Entrambi i paesi registrano, tuttavia,  un calo di arrivi sulla costa e soprattutto per il mercato tedesco una diminuzione di permanenza.

La percentuale di turismo estero su base provinciale è del 22% negli arrivi e del 18% nei pernottamenti. La punta più alta si ha nei comuni collinari con il 36% seguita da Rimini con il 27%

A livello regionale i turisti provenienti dalla Germania sono i leader seguiti da Svizzeri, Russi e Francesi.
I cinesi si collocano al secondo posto come arrivi (131.000) ma pernottano poco nella nostra regione.

I dati, ufficiali Istat, divulgati dalla regione confermano i dati dei caselli autostradali dei primi 6 mesi e mettono in luce le difficoltà di questa stagione turistica. Cruciale sarà l’andamento di Agosto avendo già alle spalle un luglio che non è stato particolarmente brillante.

Tutti i dati, della regione,  sono disponibili cliccando qui

Ultimi Articoli

Scroll Up