Home > Primo piano > Turismo. Incontro tra Comune e Albergatori. “Buoni propositi ma poca concretezza”

Turismo. Incontro tra Comune e Albergatori. “Buoni propositi ma poca concretezza”

Il 20 gennaio vi è stato un incontro tra gli albergatori e la loro Associazione con l’amministrazione comunale di Rimini, presenti gli assessori Sadegholvaad, Frisoni e Montini. Era l’occasione per fare il punto sulle iniziative in corso per la riqualificazione della zona turistica. Da una parte il Comune che ha spiegato i progetti in corso e le ipotesi per per alcuni problemi decennali. Dall’altra parte gli albergatori che si aspettavano proposte concrete anche in vista della prossima stagione turistica.

Colonia Novarese, con l’interessamento della multinazionale Renco. Si tratta, allo stato attuale,  solo di una manifestazione di interesse, per altro limitata alla sola colonia Novarese, lasciando al Comune di Rimini le terme. Rimane aperta anche l’aspetto della valutazione della Colonia e del complesso Rimini Terme. Nessuna ipotesi di lavoro sulla ex colonia Bolognese, qualche idea, residenza per anziani,  alla ex colonia Murri.

Proseguono gli interventi di arredo urbano compresa l’ipotesi di una rotonda sul mare in corrispondenza della fossa Rodella a Rivazzurra nell’ambito della conclusione del piano della balneazione con la chiusura di tutti gli scarichi a mare.

Gli albergatori presenti, a microfono chiuso, non hanno nascosto la delusione per le proposte nell’incontro. O meglio per l’indeterminatezza delle proposte. Molti buoni propositi ma poco di concreto.

In particolare

  • La variante al Regolamento Urbano Edilizio che arriverà presto in Consiglio Comunale, non affronta se non in modo marginale il problema della riqualificazione della zona turistica ad iniziare dalle soluzioni per gli hotel marginali o chiusi. Se ne dovrà occupare la prossima amministrazione.
  • Non vengono affrontati i problemi dei parcheggi che sono un punto fondamentale per gli operatori in prima linea. Le soluzioni dei parcheggi interrati costano troppo, dai 25 ai 30mila euro a posto auto. Un esborso enorme per un servizio che non verrà mai ammortizzato.
  • Con la chiusura del lungomare al traffico rischio congestione sui viale delle Regine.
  • Le aree libere subito a monte della ferrovia (zona via Pascoli) non ancora una prospettiva di soluzione per dotare di servizi la zona turistica.
  • Condoni che bloccano i processi di riqualificazione

In conclusione un incontro interlocutorio che lascia tutto com’è anche in vista per la prossima stagione turistica

Scroll Up