Home > Economia > Turismo, primi sei mesi. Ancora lontano il 2019, turismo estero in flessione, tutti i dati per comune

Turismo, primi sei mesi. Ancora lontano il 2019, turismo estero in flessione, tutti i dati per comune

L’ufficio Istat del turismo della Regione Emilia Romagna ha pubblicati i dati dei primi 6 mesi del 2022. Un dato importante rispetto alle precedenti rilevazioni con giugno che rappresenta un mese significativo per il bilancio complessivo della stagione turistica.

Il primo dato che emerge è un segno ancora negativo rispetto al 2019. La provincia chiude a -20,5% nei turisti (arrivi) e -19,6% nei pernottamenti. Va detto che si tratta di dati in netto miglioramento (di oltre 10 punti in percentuale) rispetto ai primi 5 mesi del 2022

I dati fanno emergere differenze importanti tra le varie località della provincia. Rimini comune è la realtà che fa più fatica a ritornare ai livelli del 2019. Ancora sotto del 25% negli arrivi  e del 23% nei pernottamenti. Tra i comuni costieri meglio di tutti fa Riccione con un -14% e -12% tra arrivi e pernottamenti. Tra i comuni non costieri bene Santarcangelo che incrementa i flussi turistici del 30% sul 2019.

I dati di tutte le località sono tutti positivi sul 2021. Ricordiamo che nel 2021 i primi mesi sono stati segnati dalle restrizioni covid con una stagione partita in ritardo.

Interessante valutare il mese di giugno 2022

Negli arrivi i comuni costieri riducono la differenza con il 2019 sotto il 10%. Solo Rimini comune è oltre il -13%. Bene Bellaria e Riccione che riducono  la differenza sul 2019 a pochi punti (-1 e -2,7%). La forbice sul 2019 torna ad allargarsi con pernottamenti. Lo scarto in provincia passa da -8,1 negli arrivi al -14,6 nei pernottamenti. Evidente che l’aumento dei prezzi, l’aumento del costo della vita e la preoccupazione per il futuro ha portato i turisti a ridurre i giorni di vacanza.

I dati della Regione Emilia-Romagna ci permettono anche di valutare l’andamento del mercato estero. Il segno negativo rispetto al 2019 è ancora molto importante e si attesta per alcune realtà come Rimini oltre il 30%. L’assenza del mercato russo si fa sentire.  Complessivamente la percentuale di turismo estero su base provinciale si attesta al 18% negli arrivi e al 24% nei pernottamenti. Bene Rimini con il 23% negli arrivi e il 32% nei pernottamenti. Dati che comunque sono lontani dal 2019.

I principali mercati di riferimento

Interessante il dato dei turisti provenienti dall’Ucraina che hanno una permanenza media più alta dei nostri ospiti provenienti da altre nazioni. In questo caso incidono anche gli aiuti che alcune organizzazioni turistiche stanno dando alla popolazione Ucraina colpita dalla guerra.

Un ultimo sguardo sul dato complessivo regionale

La provincia di Rimini tra quelle costiere è la realtà che più di altre è indietro sul recupero rispetto al 2019. Ferrara, con Comacchio e il turismo all’aria aperta nei primi sei mesi è sopra del 5% sul 2019.

Prossimo appuntamento con i dati fino a luglio

Ultimi Articoli

Scroll Up