Home > La puèšia ad Muratori > U jè al canòci in pscaria!

Stamatèina in pscaria,
al canòci i li dèva via,
a quatòrg quing èvri e’ chèl,
cmè prèzie un gn’éra mèl.

Agl’ jéra davéra frèschi,
sicur apèina pèschi,
pini ad zéra e bèli tòsti,
mèj incóra dagl’jaragòsti.

Tla casèta ad védli a mòv,
jè in parèć ch’is cumòv,
epù i li tò listès,
tènimòdi l’è pès.

Ènca mè a faz isé,
però am sò da mašè,
quand a li bót tla pgnata,
la mi möj la fà la mata.

Léa ch’ l’è d’campagna,
al canòci lan li magna,
i galèt invèci sé,
l’è e’ su mòdi ad fè.

Isé mè per stè in pèša,
a li faz sla n’è at cheša,
léa lan véd e lan mi sint,
dònca lan mi pò dì gnint.

Al canòci lis lamèinta,
zó int l’aqua bulèinta,
purtròp ò da fè isé,
che crudi lin si pò magnè.

Per cunzèli al dà da fè,
zà ch’us trata da tajè,
la còzla ch’la è dura,
e ui vò dònca tènta cura.

Dòp st’upèraziòun,
a li mèt int un piatlòun,
s’un cundimèint nurmèl,
òglie, limòun, pévur e sèl.

La canòcia la è bòna isé,
se qualcun e’ vò èšagerè,
ui pò mèt quel ch’ui pèr,
mo e’ pèrd e savòr de mèr.

Ivano Aurelio Muratori

CI SONO LE CANOCCHIE IN PESCHERIA!

Stamattina in pescheria,/ le canocchie le davano via,/ a quattordici quindici euro al chilo,/ come prezzo non c’era male.

Erano davvero fresche,/ sicuro appene pescate,/ piene di cera e belle toste,/ meglio ancora delle aragoste.

Nella cassetta a vederle muovere,/ sono in parecchi che si commuovono,/ e poi le prendono lo stesso,/ tanto è pesce.

Anche io faccio così,/ però mi devo nascondere,/ quando le butto nella pentola,/ mia moglie fa la matta.

Lei che è di campagna,/ le canocchie non le mangia,/ i galletti invece sì,/ è il suo modo di fare.

Così io per stare in pace,/ le faccio se non è in casa,/ lei non vede e non mi sente,/ dunque non mi può dire niente.

Le cannocchie si lamentano,/ giù nell’acqua bollente,/ purtroppo devo fare così,/ che crude non si possono mangiare.

Per conciarle danno da fare,/ già che si tratta di tagliare,/ la cocciola che è dura,/ e ci vuole dunque tanta cura.

Dopo questa operazione,/ le metto in un piattone,/ con un condimento normale,/ olio, limone, pepe e sale.

La cannocchia è buona così,/ se qualcuno vuole esagerare,/ ci può mettere quello che gli pare,/ ma perde il sapore del mare.

Ultimi Articoli

Scroll Up