Home > La puèšia ad Muratori > U mi vò la badenta

Mu mè ch’ò pas i stènta,/ um spèta la badènta,/ ìr ò dét ma la mi mèj,/ ch’am sò stòf e ch’a la vèj.

La badènta l’è un dirét,/ da quèlca perta u jè scrét,/ òrmai in zir i la j’à tótt,/ e mè na, chi sò e’ pjó brót?

A la prètènd per la rašòun,/ che ch’jn la jà l’è un quajòun,/ l’è quèst ch’la diš la zèinta,/ a prupòšit dla badènta.

Tènimòdi l’am bšägna,/ u n’è miga ‘na vargägna,/ s’la m’aiu ta una muliga,/ un vò dì ch’a jò l’amiga.

U mi vò una dòna lésta,/ ch’lam spòja e ch’lam vésta,/ ch’ lam pétna e ch’lam lèva,/ insäma ch’la sia brèva.

E la séra mè aspèt,/ sinènt ch’l’am mèt te lèt,/ ch’lam faza cumpagnia,/ sna fòla e un’Ave Maria.

La m’à d’asèst un pera d’òri / durènt l’ indurmantòri / che mu mè sèinza badènta,/ chi jè ch’m’indurmènta?

La mi möj lan ne vò savè,/ zà ch’ la va a durmì al sé,/ la jà e’ dirét d fè quel ch’la vò,/ mo la badènta lam l’à da tò!

Ivano Aurelio Muratori

A me che ho passato i settanta,/ spetta la badante,/ ieri ho detto a mia moglie,/ che mi sono stancato e che la voglio.

La badante è un diritto,/ da qualche parte c’è scritto,/ ormai in giro ce l’hanno tutti,/ e io no, chi sono il più brutto?

La pretendo per la ragione,/ che chi non ce l’ha è un coglione,/ è questo che dice la gente,/ a proposito della badante.

Tanto mi serve,/ non è mica una vergogna,/ se mi aiuta un po’,/ non vuol dire che ho l’amica.

Mi ci vuole una donna lesta,/ che mi spogli e che mi vesta,/ che mi pettini e che mi lavi,/ insomma che sia brava.

E la sera io aspetto,/ fin tanto che mi mettte a letto,/ che mi faccia compagnia,/ con una favola e un’ Ave Maria.

Mi deve assistere un paio di ore,/ durante l’addormentamento,/ che a me senza badante,/ chi è che m’addormenta?

Mia moglie non ne vuole sapere,/ già che va a dormire alle sei,/ ha il diritto di fare quello che vuole,/ ma la badante me la deve prendere.

Ultimi Articoli

Scroll Up