Home > Mondo > Ucraina, la guerra nascosta negli scaffali delle librerie di Rimini

Ucraina, la guerra nascosta negli scaffali delle librerie di Rimini

Il conflitto russo-ucraino ha provocato in questi ultimi tre mesi una moltitudine di pubblicazioni librarie sul tema. Instant-book in molti casi, in altri saggi più meditati, comunque tutti soggetti ad una rapidissima usura dall’evolversi della situazione internazionale, militare, economica.

Di fronte alle migliaia di articoli apparsi da febbraio ad oggi su tutti i quotidiani del mondo, possiamo dire di conoscere veramente ciò che sta succedendo in Ucraina? Posso rispondere: sì su molte cose, ma no su tante altre. Quale è la vera situazione militare sul campo poco o nulla si sa: “disinformacja” totale da entrambe le parti; i giornalisti occidentali non sono più presenti in Russia ormai da mesi e cosa bolle nella grande società post sovietica nessuno ce lo racconta più; i legami della nazione Ucraina con l’Occidente non sono trasparenti (ricezione di armi, formazione di militari, aiuti economici); la guerra nel contesto internazionale, le alleanze, il ruolo degli organismi internazionali. Insomma per raccontare questa guerra opinionisti, pubblicisti, politici, storici ancora tanto avranno da scrivere.

Non saprei dire quanto queste pubblicazioni stiano vendendo: da un rapido giro che ho fatto nelle librerie del centro di Rimini quello che ho visto è che questi testi non sono sui banchi delle novità, quelli di primo impatto per coloro che entrano nei negozi. Sicuramente molto dipenderà anche dal fatto che la stragrande maggioranza di questi volumi sono editi da piccolissime case editrici, con una scarsa diffusione e visibilità.

Provo ad elencarli, chiedendo perdono in anticipo per eventuali dimenticanze, suddivisi per temi.

Zelenski: il leader ucraino è diventato un protagonista mondiale della resistenza all’invasione russa. Due i libri usciti a lui dedicati: una biografia per il Corriere della Sera “Volodymyr Zelensky. Nella mente di un eroe” di Regis Gentè e Stephae Siohan (Solferino, 2022) e una raccolta di suoi interventi per La Repubblica: “Per l’Ucraina” (La Nave di Teseo, 2022)

La rivista LIMES: da febbraio, mensilmente, la più importante rivista italiana di politica internazionale diretta da Lucio Caracciolo, esce con numeri monografici dedicati alla guerra e ai suoi protagonisti.
“La Russia cambia il mondo: Perchè Putin ha aggredito l’Ucraina. Lo spazio russo diventerà un buco nero? La guerra ridisegna la carta d’Eurasia” n. 2/2022.
“La fine della pace. Il 24 febbraio è cominciato un altro secolo. Solo tregue nello scontro fra imperi. Perchè la Russia s’è impantanata in Ucraina” n. 3/2022
“La cortina di acciaio: La nuova frontiera fra America e Russia spacca l’Europa dal Baltico al Mediterraneo. Euroquad, un progetto per l’Italia” n. 5/2022.
“La guerra russo-americana: Mosca avanza, Washington arretra. La russificazione delle Ucraine. Putin e Kissinger, la stranissima coppia” n. 6/2022.
“La guerra grande. Occidente contro Cina e Russia da Taiwan all’Ucraina e ritorno. Il Resto del Mondo siamo noi” n. 7/2002.

Putin: l’attacco all’Ucraina ha portato commentatori e studiosi dei problemi russi ha riconsiderare la biografia del leader russo, tentando di capire le motivazioni di questa sua terribile decisione. Il volume che meglio è riuscito nel riepilogare storia e vicende ultime della Russia è quello di Orietta Moscatelli, studiosa dell’area post-sovietica “P: Putin e putinismo in guerra” (Salerno, 2022). Poi il numero di LIMES, n. 4/2022, a lui dedicato: “Il caso Putin. Chi è davvero il signore del Cremlino. Il suo progetto è ricominciare il mondo per finirla con l’egemonia americana”. Ed ancora: la raccolta di scritti del presidente russo “Putin di fronte alla storia. Obiettivi e strategie della Russia” a cura di Davide Rossi (PGreco, 2022); “Nella testa di Vladimir Putin” del giornalista francese e docente di filosofia russa Michel Eltchaninoff (e/o, 2022); “L’idea russa. Da Dostoevskij a Putin” dello svedese Bengt Jangfeldt, uno dei maggiori studiosi internazionali di letteratura russa (Neri Pozza, 2022); dello scrittore italo-moldavo Nicolai Lilin “Putin. L’ultimo zar: da San Pietroburgo all’Ucraina” (Piemme, 2022). Ed infine, anche in versione fumetto, “Putin e la Russia. L’ascesa di un dittatore” del maestro di graphic novel Darryl Cunningham (Becco Giallo, 2022).

La guerra: alle vicende degli ultimi mesi sono dedicati questi volumi, con l’avvertenza che abbiamo posto all’inizio, ovvero che gli scenari possono cambiare repentinamente rispetto a ciò che gli autori descrivono. “Ucraina. La guerra e la storia” dello storico Franco Cardini e del generale Fabio Mini (Paperfirst by Il Fatto Quotidiano, 2022); “Russia e Ucraina: la mappa che spiega la guerra” del geografo Tim Marshall (Garzanti, 2022); del giornalista Giacomo Gabellini “Ucraina. Il mondo al bivio : 1991-2022” (Arianna, 2022); del giornalista Sergio Cantone, con la collaborazione di Orietta Moscatelli “Ucraina: marcia o muori” (GoWare, 2022), del docente di Storia economica Giulio Sapelli; “Ucraina anno zero. Una guerra tra mondi” , del docente di Storia contemporanea Simone Attilio Bellezza (Guerini e associati, 2022); “Il destino dell’Ucraina. Il futuro dell’Europa” (Scholè, 2022); del giornalista di Avvenire Nello Scavo “Kiev” (Garzanti, 2022); del filosofo americano Noam Chomsky “Perché l’Ucraina” (Ponte alle grazie, 2022); del docente Alessandro Orsini “Ucraina. Critica della politica internazionale” (Paper First, 2022); del docente del corso di Storia e politiche in Russia ed Europa orientale alla Cattolica di Milano Giorgio Cella “Storia geopolitica della crisi ucraina. Dalla Rus’ di Kiev a oggi” (Carocci, 2022); dello storico Massimo Vassallo “Breve storia dell’Ucraina: dal 1914 all’invasione di Putin” (Mimesis, 2022); dello storico Gaetano Colonna “Ucraina tra Russia e Occidente: un’identità contesa” (Edilibri, 2022); del giornalista Francesco Battistini “Fronte Ucraina: dentro la guerra che minaccia l’Europa” (Neri Pozza, 2022), dei giornalisti Andrea Sceresini e Lorenzo Giroffi “Ucraina: la guerra che non c’era” (Baldini Castoldi, 2022); del giornalista RAI e documentarista Raffaele Crocco “Ucraina 2022: la guerra delle vanità” in collaborazione con Atlante delle guerre e dei conflitti nel mondo, Associazione 46° parallelo (Terra nuova, 2022); “Ucraina 2022: la storia in pericolo” a cura di Franco Cardini, Fabio Mini e Marina Montesano (La Vela, 2022); del giornalista Fausto Biloslavo “Ucraina: nell’inferno dell’ultima guerra d’Europa” (Signs Books, 2022); “Ucraina. Assedio alla democrazia: alle radici della guerra” a cura di Memorial Italia con il coordinamento dello storico Marcello Flores (Corriere della sera, 2022); “Ucraina 24.02.2022: l’invasione russa e le conseguenze della guerra in Europa” a cura dei giornalisti Marco Alfieri e Francesca Barbieri (Il Sole 24 Ore, 2022;, dei giornalisti Dario Fertilio e Olena Ponomareva “Lettere dal Donbas: le voci e i volti della guerra in Ucraina” (Pagliai, 2022).

Paolo Zaghini

Ultimi Articoli

Scroll Up