Home > La puèšia ad Muratori > Ui vò grèzia per magnè al tajadèli!

Ui vò grèzia per magnè al tajadèli!

A magnè al tajadèli,
an n’ò vésti dal béli,
sal mèni a l’ò vést fè,
una ròba da šgustè!

E’ Galatèo l’è cèr:
maj us dròva e’ cucèr,
per tò só la tajadèla,
e’ fnès per strapazèla.

Ènc e’ curtèl un s’drova maj,
a tajèla è saria un guaj,
a védla ardóta in tènt pèz,
a di pòc la fà ribrèz.

La furzèina iqué us dròva,
ch’u n’è ‘na roba nòva,
tl’ustaria mènca bèla,
per magnèli us fà sa quèla.

E’ Galateo quèst e’ diš,
mo mè per ès pjó prèciš
a dég per fil e per sègn,
quèl ch’l’è e’ cuntègn.

Tna mèna la furzèina,
ch’la prèla tla piatlèina,
in manìra da invrucèla,
e avè mòdi da magnèla.

La furzèina la fróla,
la taidèla lan spindóla,
la stà bèin aglupèda,
sèinza arvanzè šbrandlèda.

E’ vèrs l’è dl’arlòz,
cun e’ gòmit in apòz,
us zira in cla dirèziòun,
per fè surtì e’ pcòun.

Ma la furzèina ui täca,
infilèl drèinta la bäca,
che per fè la su pèrta,
la à da stè tóta vèrta.

La tajadèla la s’arvèina,
sla n’ stà in punta ad furzèina,
per magnèla ui vò grèzia,
ch’l’à n’è un’ inézia.

Ivano Aurelio Muratori

CI VUOLE GRAZIA PER MANGIARE LE TAGLIATELLE!

A mangiare le tagliatelle, / ne ho visto delle belle,/ con le mani l’ho visto fare,/ una cosa da disgustare!

Il Galateo è chiaro:/ mai si adopera il cucchiaio,/ per prender su la tagliatella,/ finisce per strapazzarla.

Anche il coltello non si adopera mai,/ a tagliarla sarebbe un guaio,/ a vederla ridotta in tanti pezzi,/ a dir poco fa ribrezzo.

La forchetta qui si adopera,/ che non è una cosa nuova,/ nell’osteria meno bella,/ per mangiarla si fa con quella.

Il Galateo questo dice,/ ma io per essere preciso,/ dico per filo e per segno,/ quello che deve essere il contegno.

In una mano la forchetta,/ che gira nel piatto,/ in maniera da avvolgerla,/ e aver modo di mangiarla.

La forchetta frulla,/ la tagliatella non spenzola,/ sta ben avviluppata,/ senza rimanere sbrindellata.

Il verso è quello dell’orologio,/ con il gomito in appoggio,/ si gira in quella direzione,/ per far sortire il boccone.

Alla forchetta le tocca,/ infilarlo dentro la bocca,/ che per fare la sua parte,/ deve stare tutta aperta.

La tagliatella si rovina,/ se non sta in punta di forchetta,/ per mangiarla ci vuol grazia,/ che non è un’inezia.

Ultimi Articoli

Scroll Up