Home > La puèšia ad Muratori > Un chèld buzaròun

Tótt jàn in sta stašòun,
l’é un chéld buzaròun,
mo un caldaz cumè adès,
pèrò u n’è maj suzès.

Un fà gnènca ragiunè,
sla rašoun e se perché,
bšägna ès di siènzièd,
per capì stè chèld èšagéréd.

E mèintre che tènt i zcór,
per e’ chèld parèć i mòr,
oh Dio! iqué incóra na,
drèinta e’ mèr ui si stà.

Us pò nudè o stè a mòl,
che l’aqua incóra lan ból,
l’è tèvda cmè e’ té,
e drèinta l’è un bèl stè.

Epù nun èm la palèda,
sèimpre frèsca e véntilèda,
us fà una pépa e’ sóliòun,
e garbinaz, l’anticiclòun.

Quand e’ chéld l’è tròp fòrt,
as butèm zó int e’ pòrt,
l’utme rimèdiè ch’ui sia,
ènca se un si putria.

Quii ch’i stà in campagna,
purèt in sla šgavagna,
sè pòz e’ fióm ch’jè söt,
òrmaj u s’è sèc tótt.

Per una piòva bòna,
us pò prighè la Madóna,
i sènt, e’ Pépa Franzèsc,
che tót jà bšägn de frèsc.

Tènimòdi prima o pò,
un po’ d piòva la vèin zó,
mo a ne só se la rašòun,
al pòsa ès agl’juraziòun.

Epù st’invèrne sè nivòun,
a girém l’è un frèd buzaròun,
e quèst l’é pjó che sà,
per capì che qualcosa un va.

Ivano Aurelio Muratori

UN CALDO DEGENERATO

Tutti gli anni in questa stagione,/ il caldo degenera,/ ma un caldo come adesso,/ però non è mai successo.

Non fa neanche ragionare,/ sulla causa e sul perché,/ bisogna essere degli scienziati,/ per capire quest caldo esagerato.

E mentre tanti parlano,/ per il caldo parecchi muoiono,/ oh Dio! qui ancora no,/ dentro al mare ci si sta.

Si può nuotare o stare a bagno,/ che l’acqua ancora non bolle,/ è tiepida come il té,/ e dentro è un bello stare.

E poi noi abbiamo la palata,/ sempre fresca e ventilata,/ ci fa una pippa il solleone,/ il garbinaccio, l’anticiclone.

Quando il caldo è troppo forte,/ ci buttiamo giù nel porto,/ l’ultimo rimedio che ci sia,/ anche se non si potrebbe.

Quelli che stanno in campagna,/ poveretti non se la cavano,/ col pozzo e il fiume che sono asciutti,/ ormai si è seccato tutto.

Per una pioggia buona,/ si può pregare la Madonna,/ i santi e Papa Francesco,/ che tutti hanno bisogno del fresco.

Tanto prima o poi,/ un po’ di pioggia viene giù,/ ma non so se la ragione,/ possano essere le orazioni.

E poi st’inverno col nevone,/ diremo che è un freddo degenerato,/ e questo è abbastanza,/ per capire che qualcosa non va.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up