Home > La puèšia ad Muratori > Un prémie lètèrérie

Ò insugnè e’ paradiš,
in dòv, an sò d prèciš,
a séra dré e’ Signór,
cuntèint ad tènt unór.

Cuša dii a ne savéva,
vést che Ló un zcuréva,
e gióst per ròmp e’ giaz,
a j’ò dét quel ch’a faz.

Am prèšènt cmè zirudlér,
òm ad pèna e d pénsiér,
sla pasiòun de dialèt,
Ló però è stéva zét.

L’è stè isé che alóra,
‘na puéšia ò trat fóra,
am sò mès a declamèla,
Ló un stéva pjó tla pèla.

Mèna mèna ch’a lizèva,
a sintiva ch’e’ ridéva,
quand ch’a géva una cazèda,
us fašèva una rišèda.

U j’éra un mòćć ad zèinta,
che lan vulèva u n’ènta,
e e’ Signór ilé dré mè,
um géva dai dii ad sé!

Mè ò pénsè: las fa bèla!
per vujèlt ‘na zirudèla,
a jò dét quèsta lav pièš,
la è in dialèt rimnéš.

La diš mèl di sgnurun,
di lèdre e faquajun,
e bèin di lavuradur
lav piasarà sicur.

L’è pina ad irunia,
cmè ch’l’è gióst che sia,
a ciap in zir la zèinta,
ch’la rid e lan s’lamèinta.

Intènt ch’ai la lizéva,
fòrza ad rid i pianzèva,
e’ Signór òrmai tót räs
per pòc un s’pèsa adòs.

Epù impuvišamèint,
u m’à dét: at faz sènt!
E per stè prèmie lètèrérie,
adèss am dag d’agl’jèrie.

Ivano Aurelio Muratori

UN PREMIO LETTERARIO

Ho sognato il paradiso,/ dove non so di preciso,/ ero vicino al Signore,/ contento di tanto onore.

Cosa dirgli non sapevo,/ visto che Lui non parlava,/ e giusto per rompere il ghiaccio,/ gli ho detto quello che faccio.

Mi presento come compositore di zirudelle,/ uomo di penna e di pensiero,/ con la passione del dialetto,/ Lui però stava zitto.

È stato così che allora,/ una poesia ho tirato fuori,/ mi son messo a declamarla,/ lui non stava più nella pelle.

Man mano che leggevo,/ sentivo che rideva,/ quando dicevo una cazzata,/ si faceva una risata.

C’era un mucchio di gente,/ che ne voleva un’altra,/ e il Signore vicino a me,/ mi diceva dai digli di sì!

Io ho pensato: si fa bella,/ per voialtri una zirudella,/ ho detto loro: questa vi piace,/ è in dialetto riminese.

Dice male dei signoroni,/ dei ladri e facoglioni,/ e bene dei lavoratori,/ vi piacerà di sicuro.

È piena di ironia,/ come è giusto che sia,/ prendo in giro la gente,/ che ride e non si lamenta.

Intanto che la leggevo,/ loro a forza di ridere piangevano,/ il Signore ormai tutto rosso,/ per poco non si piscia addosso.

E poi improvvisamente,/ mi ha detto: ti faccio santo!/ E per sto premio letterario,/ adesso mi dò delle arie.

Ultimi Articoli

Scroll Up