Home > La puèšia ad Muratori > Un prusèc a me permèt!

A pòs dì da bòn Rimnéš,
ch’a sò devòt me Sanzvèš,
e per sta rašoun ch’iqué,
da ès an mi pòs šluntanè.

Mo e’ suzèd che dògnitènt,
ò vòja ad vèin frizènt,
sudisfàt a bagn e’ bèc,
in quèl ch’i cèma Prusèc.

Ch’l’è una buvanda,
cmè che Dio e’ cmanda,
ligèrina e spiritòša,
e sal bòlicini a iòša.

L’è un gran vèin sèc,
ul diš e’ stès nòm Prusèc,
forse e’ mèj fra tótt i brut,
da bé inti bicér flut.

Ch’jè di bèl biciarin,
adat per fè i cin cin,
e’ Prim dl’an, a Nadel,
e tal fèsti ad Carnèvèl.

Pièn pièn us bivòcia,
s’jabri sèinza canòcia,
us gósta cun e’palèd,
in t un mòd rafinèd.

A nu bévle cum ch’a faz?
L’è tènt bòn bivùd giaz,
l’à un chè d’intrighènt,
e e’ va zó ch’l’e un inchènt.

E mè al bèv quand ch’a magn,
invece de champagne,
che iqué al vòj bèin dì
l’è cmè l’aqua ad Vichy.

E’ Prusèc èsènd ad mòda,
il déchènta e tót il lóda,

per ès una ròba bòna,
l’à un prèz dla Madona.

Mo i n’è tént ch’i la manda,
e i tò quèl tla bòcia granda,
ènca mè ch’an sò purèt,
un prusèc a me permèt.

Ivano Aurelio Muratori

UN PROSECCO ME LO PERMETTO

Posso dire da buon riminese,/ che son devoto al Sangiovese,/ e per questa ragione qui,/ non mi posso allontanare da esso.

Ma succede ognitanto,/ che ho voglia di vino frizzante,/ soddisfatto bagno il becco,/ in quello che chiamano Prosecco.

Che è una bevanda,/ come Dio comanda,/ leggerina e spiritosa,/e con le bollicine a iosa.

È un gran vino secco,/ lo dice lo stesso nome Prosecco,/ forse il meglio fra tutti i brut,/ da bere nei bicchieri flut.

Che sono dei bei bicchierini,/ adatti per far cin cin,/il Primo dell’anno, a Natale,/ e per le feste di Carnevale.

Piano piano si sorseggia,/ con le labbra senza cannuccia,/ si gusta col palato,/ in un modo raffinato.

A non berlo come faccio?/ È tanto buono bevuto freddo,/ ha un che d’intrigante,/ va giù che è un incanto.

E io lo bevo quando mangio,/ invece dello champagne,/ che qui lo voglio ben dire,/ è come l’acqua di Vichy.

Il Prosecco essendo di moda,/ lo decantano e tutti lo lodano,/ per essere una cosa buona,/ ha un prezzo della Madonna.

Ma ce ne sono tanti che la mandano,/ e prendono quello nella bottiglia grande,/ anche io che non sono poveretto,/ un Prosecco me lo permetto.

Ultimi Articoli

Scroll Up