Home > La puèšia ad Muratori > Un s pò zènd e’ camèin

Ènca st’an, s’ò capì bèin,/ un s pò zènd e’ camèin,/ e mè pòrca dla frègna,/ ò vint quintèl d lègna.

La è ilé da zinc sé an,/ e l’è pina d talàragn,/ j surš e jà fat e’ nid,/ e mè òrmai a sò vilìd.

A ne sò se butèla via,/ um dispièš, vòt che sia,/ a l’ò paghè da ‘na masa,/ an bòt vi’ tót la cadasa!

An la pòrt gnènca in piaza,/ quand ch’i fà la fugaraza,/ per San Jusèf e la Madòna,/ che questa l’è lègna bòna.

Mo s’um sèlta e’ šghiribéz,/ a l’arduš tóta in šgadéz,/ ènca sl’è un lavuraz,/ èmènc sa quel a sug e’ guaz.

Sina al vènd mi muradur,/ ch’l’e bòn per tènt lavur,/ o al bòt sóra la strèda,/ st’invèrne quand l’è zlèda.

Se e’ camèin un po’ brušè,/ mè cus ch’al tèng a fè,/ e’ ciapa pòst, un sèrv a un caz,/ al bòt zó, un ènt lavuraz!

Un camèin da butè via,/ l’è ‘na speša cumunque sia,/ a dmand i sòld ma la Regiòun,/ ch’la m’à caz in sta situaziòun.

Ivano Aurelio Muratori

Anche quest’anno, se ho capito bene,/ non si può accendere il camino,/ e io porca fregna,/ ho venti quintali di legna.

È lì da cinque sei anni,/ ed è piena di ragnatele, /i topi hanno fatto il nido,/ ed io sono avvilito.

Non lo so se buttarla via,/ mi dispiace, vuoi che sia,/ l’ho pagata molto,/ non butto via tutta la catasta!

Non la porto neanche in piazza,/ quando fanno la focheraccia,/ per San Giuseppe e la Madonna,/ che questa è legna buona.

Ma se mi salta il ghiribizzo,/ la riduco in segatura,/ anche se è un lavoraccio,/ almeno con quello asciugo il bagnato.

Se no lo vendo ai muratori,/ che è buona per tanti lavori,/ o lo butto sulla strada,/ quest’inverno quand’è gelata.

Se il camino non può bruciare,/ io cosa lo tengo a fare?/ prende il posto, non serve a un cazzo,/ lo butto giù, un altro lavoraccio!

Un camino da buttar via,/ è una spesa comunque sia,/ domando i soldi alla Regione,/ che mi ha messo in questa situazione.

Ultimi Articoli

Scroll Up