Home > La puèšia ad Muratori > Una zanzèra malèdèta

Ò cumbatù tót ir séra,
una vigliaca ad zanzèra,
léa cumè ‘na tèsta ad spél,
mè un d nuvènta chèl.

Us trata d’un insèt,
tóta tégna e malèdèt,
ciociasangue a tradimèint,
per l’òm un bèl turmèint.

Tènt ch’ò lèt se giurnèl,
ch’ la pòrta un scról ad mèl,
intènt cla moramazèda,
da mè la séra acašèda.

Alóra per s-ciantèla
ò pinsè d’amazèla,
um parèva da fè bèin,
sèinza ès un asaséin.

A jò dè tót al purchèri,
do tré spray antizanzèri,
zampirun e jultrasón,
la n’à ciap gnènca són.

Che dievul d na bicaza,
la m’a magnè la faza,
a fòrza ad punturi ad spél,
a paréva sè murbél.

Mè ch’avéva vù la pèz,
ò dmand agl’jung e mèz,
una trègua per durmì,
léa quèst la l’à capì.

E dé dòp ò vert la pòrta,
a géva: la sarà mòrta!
Invèci la jéra ilé,
zà pròunta per pizghè.

Alóra ò vèrt e’ gas,
pu a só scap per fè dó spas,
quand a sò artòrne a chèša,
l’éra mòrta e ò tròv péša.

Ivano Aurelio Muratori

UNA ZANZARA MALEDETTA

Ho combattuto tutto ieri sera,/ una vigliacca di zanzara,/ lei come una testa di spillo,/ io uno di novanta chili.

Si tratta di un insetto,/ tutta tigna e maledetto,/ succhiasangue a tradimento,/ per l’uomo un bel tormento.

Tanto che ho letto sul giornale,/ che porta un sacco di mali,/ intanto quella morammazzata,/ da me si era accasata.

Allora per schiantarla,/ ho pensato di ammazzarla,/ mi sembrava di far bene,/ senza essere un assassino.

Le ho dato tutte le porcherie,/ due tre spray anti zanzare,/ zampironi e ultrasuoni,/ non ha preso neanche sonno.

Quel diavolo di beccaccia,/ mi ha mangiato la faccia,/ a forza di punture di spillo,/ sembravo col morbillo.

Io che avevo avuto la peggio,/ ho chiesto alle undici e mezzo,/ una tregua per dormire,/ lei questo l’ha capito.

Il giorno dopo ho aperto la porta,/ dicevo: sarà morta,/ invece era lì già pronta per pizzicare.

Allora ho aperto il gas,/ poi sono uscito per fare due passi,/ quando son tornato a casa,/ era morta e ho trovato pace.

Ultimi Articoli

Scroll Up