Home > Politica > Urbinati Cgil ribatte a Gnassi su proposte “dal basso”

Urbinati Cgil ribatte a Gnassi su proposte “dal basso”

A proposito di proposte dal basso annunciate dal Sindaco di Rimini alla Convention degli amministratori del PD.
Non è necessario avere confidenza con la politica per sapere che quando si parla di proposte dal basso si evoca qualcosa che ha a che fare con la partecipazione dei cittadini, con la democrazia, con il necessario coinvolgimento delle forze sociali e di rappresentanza al governo della cosa pubblica.

E per questo sentire proporre dal Sindaco di Rimini alla riunione degli amministratori del PD la partecipazione dal basso per welfare, sanità , riqualificazione , sicurezza lascia perplessi visto come stanno procedendo le cose nella nostra città, a partire dalla privatizzazione unilaterale delle scuole per l’infanzia mi pare senza alcun coinvolgimento dal basso , per non parlare poi del trasporto pubblico locale .

Inoltre in merito alla sanità, di quale piattaforma parla ? Lo stesso Sindaco non ha firmato il giorno 9 di gennaio insieme agli altri sindaci il documento di riorganizzazione ospedaliera dell’ Asl Romagna ?

Si ha ancora una volta la ” sensazione “ che fra quello che si racconta e quello che è esistano grandi distanze.

Comunque se il Sindaco voleva un coinvolgimento con proposte dal basso bastava dare applicazione al Protocollo d’ Intesa dai lui firmato nella della primavera scorsa con le Organizzazioni Sindacali , ma anche in questo caso viene da dire che fra quello che si era convenuto e quello che è stato le distanze sono state grandi .

Voglio terminare questo breve commento ricordando tante altre problematiche aperte sul territorio e non discusse dal basso ( fiera , areoporto , concessioni spiaggia , emporio solidale ecc.ecc. ) e comunque ricordando Antonio Gramsci ” oltre al pessimismo della ragione confido anche nell’ ottimismo della volontà”.

Scroll Up