Home > Cronaca > Vaccini. Indagato medico per certificati falsi

Vaccini. Indagato medico per certificati falsi

Un medico di Pesaro in pensione ma esercitante ancora la professione a Pesaro e a Rimini è finito denunciato per aver firmato certificati di vaccinazione falsi su richiesta dei genitori. Il tutto scoperto dall’Ausl di Rimini quando ha convocato una bambina per fare un richiamo di un vaccino.

La mamma della bambina ha dichiarato che la vaccinazione era stata fatta in uno studio di un medico privato. Dopo alcune domande di approfondimento da parte dei medici dell’Ausl la signora ha ammesso che la certificazione era falsa e che sua figlia non aveva mai fatto alcun vaccino. La mamma ha scaricato la responsabilità sul marito (ora diventato ex) convinto non vax. Immediata la denuncia dell’Asl alla Procura della Repubblica e le indagini da parte dei Carabinieri di Riccione. In particolare si stanno passando al setaccio tutti i certificati di vaccinazione del medico finito sotto indagine con l’accusa di uso di atto falso aggravato.

Rischiano la denuncia per corruzione (il certificato falso veniva profumatamente pagato al medico)  anche i genitori. Attualmente sono 12 le famiglie indagate per i falsi certificati.  Tutti i certificati falsi portano la data dell’inizio scolastico 2017, anno dell’entrata in vigore della legge Lorenzin.

Il fascicolo è passato dalla Procura di Rimini a quella di Pesaro per competenza territoriale. Non sono escluse nelle prossime settimane ulteriori indagati

Scroll Up