Home > Primo piano > Vaccini, l’Assessore alla Sanità Venturi: “A Rimini non c’è immunità di gregge”. Burioni: “Vaccinatevi”

Vaccini, l’Assessore alla Sanità Venturi: “A Rimini non c’è immunità di gregge”. Burioni: “Vaccinatevi”

Con un video pubblicato su Facebook, il noto virologo antinovax Roberto Burioni ha rivolto – l’ennesimo – appello alla popolazione a vaccinarsi in seguito al caso della ragazza riminese trapiantata di fegato che ha contratto la malattia nelle ultime settimane ed è ora ricoverata all’Ospedale Infermi del capoluogo romagnolo. (Video allegato)

Il morbillo – una malattia pericolosissima – non circola più in molti paesi, come il  Messico, dove non si riscontrano casi dal 1996– e in Italia invece registriamo nuovi contagi. Come il caso della ragazza di 14 anni trapiantata di fegato e ricoverata a Rimini. E’ evidente che bisogna evitare di far circolare il virus. E come facciamo a non farlo circolare? Vaccinando la popolazione. Il serbatoio da cui il virus trova vantaggio, nei dettagli, sono i bambini. Vacciniamoli e vacciniamoci anche noi adulti. L’obiettivo è raggiungere il 95% di copertura che corrisponde alla famosa soglia di sicurezza in grado di non far circolare il virus“. 

Intanto da Bologna arrivano le stoccata dell’Assesore alla sanità Sergio Venturi”Oggi siamo sopra al 95% di copertura vaccinale in tutti i territori, fuorché Rimini che ha fatto passi da gigante, ma bisogna che l’azienda sanitaria si occupi molto di quello che ancora deve fare. Perché ci sono ancora persone immunodepresse che si prendono il morbillo e rischiano moltissimo. Bisogna che la facciamo finita: ci sono problemi di sanità pubblica e li deve affrontare l’azienda sanitaria.Oggi siamo in una situazione di vergogna mondiale, non c’è un altro Paese evoluto che ha i casi di morbillo che abbiamo noi – ha spiegato – Gli Stati Uniti considerano l’Italia un Paese pericoloso per la salute. Ci vogliamo rendere conto? Sul morbillo non possiamo parlare di situazione di emergenza, perché nel 2017 abbiamo avuto 6mila casi in questo Paese. Quindi figuriamoci. Ma 30 casi di morbillo in Emilia-Romagna – ha concluso Venturi riferendosi a questi primi mesi dell’anno – è comunque una situazione che desta preoccupazione. E non è un caso che siano a Rimini, perché c’è una bassa copertura e non c’è ancora l’immunità di gregge“.

Morbillo, possiamo (e dobbiamo) fermarlo.

Di nuovo il morbillo, questa volta ha infettato una quattordicenne trapiantata e sei operai di un'azienda nel bolognese. Non possiamo permettere queste infezioni evitabili con una vaccinazione sicura ed efficace. https://bologna.repubblica.it/cronaca/2019/03/13/news/bologna_focolaio_di_morbillo_sei_casi_in_un_azienda-221446269/

Pubblicato da Roberto Burioni, Medico su Giovedì 14 marzo 2019

Scroll Up