Home > Ultima ora politica > Vanni Lazzari – PD: confronto con i 5stelle e definizione del programma

Vanni Lazzari – PD: confronto con i 5stelle e definizione del programma

Il Partito Democratico di Rimini, con il segretario Alberto Vanni Lazzari, indica i prossimi appuntamenti politici in preparazione delle elezioni amministrative di ottobre.
“Nei prossimi giorni verrà convocata la direzione comunale del Partito Democratico della città di Rimini allargata agli iscritti, per discutere del programma elaborato dal PD.
Si tratta della definizione di un importante lavoro, scrive Vanni Lazzari,  partito nella direzione comunale del 25 settembre 2020 con il progetto denominato #IdeaRimini, strutturato su 5 tavoli di lavoro tematici aperti a tutti i cittadini riminesi che in oltre 3 mesi di attività ha raccolto idee, esperienze, contributi utili per disegnare le linee di sviluppo della Città. Si evidenzia il notevole riscontro di partecipazione con oltre 150 iscrizioni, di cui il 40 % in rappresentanza della società civile.
Gli ambiti scelti sono quelli dell’economia, del sociale, dello sviluppo sostenibile, della cultura e della nuova partecipazione.
La direzione comunale avrà il compito di approvare il lavoro fatto e la proposta che avanzerò di rendere questi tavoli tematici degli spazi di discussione e confronto permanenti, luoghi di coordinamento e formazione di tutte le energie e le forze a disposizione come suggerito fortemente dal seg. Letta, utili ad affrontare la complessità di questo difficile momento storico.
Dopo questo passaggio che ritengo fondamentale il Partito Democratico continuerà il percorso già avviato per concretizzare e allargare la coalizione di centro-sinistra che si presenterà alle elezioni amministrative di autunno. Mettendo in primo piano la condivisione di valori e idee programmatiche. Sabato 17 aprile il segretario Letta ha convocato l’assemblea nazionale che prosegue il confronto attivato con le consultazioni dei circoli. Sarà un momento importante per ragionare sulle alleanze che ritengo debbano essere le più ampie possibili e non possano fare a meno di un confronto con il Movimento 5Stelle sulla linea avviata dallo stesso segretario Letta. Nel solco di questo percorso andrà poi affrontato il nodo candidature. Primarie si primarie no.Primarie di coalizione o primarie del Partito Democratico. Nodi che andranno definiti con il contributo del Partito Democratico regionale e nazionale in un confronto declinato nei territori coinvolti.”

Ultimi Articoli

Scroll Up