Home > Ultima ora economia e lavoro > Velocità e flessibilità caratterizzano la pallettizzazione tramite robot

Velocità e flessibilità caratterizzano la pallettizzazione tramite robot

I.P.

È in grado di gestire velocità di produzione significative e garantire elevata precisione nel posizionamento e affidabilità anche a carichi elevati, siano essi cartoni, sacchi o pacchi termoretraibili.

La pallettizzazione del robot è completata da un dispositivo chiamato “grab”. Le pinze possono avere stand singolo o multiplo, autocentrati, oltre alla possibilità di applicare lo strato intermedio di cartone o il pallet di ricezione del materiale, a seconda delle esigenze di ogni cliente.

Tecnologie di pallettizzazione e loro importanza per aumentare la produttività e facilitare la catena di fornitura.

Nel campo della produzione industriale e distribuzione dei prodotti, il pallet è l’unità di trasporto dei prodotti dalla produzione al magazzino o al cliente finale. Una corretta gestione è fondamentale per non aggiungere costi aggiuntivi ai processi di confezionamento esistenti, ma anche per garantire un flusso regolare dei prodotti all’interno della catena di fornitura. Ciò che serve è il pallet giusto con il prodotto giusto per raggiungere la giusta destinazione in tempo, in sicurezza e al minor costo possibile.

Una volta che un’industria ha deciso che la costruzione manuale dei pallet non è accettabile, deve scegliere un sistema di robot pallettizzatore automatico o un sistema sequenziale automatico o cartesiano. Poiché i sistemi a strati o cartesiani coprono solo applicazioni specializzate, la stragrande maggioranza (oltre il 90%) delle applicazioni viene realizzata utilizzando bracci robotici progettati specificamente per la pallettizzazione.

Il braccio “afferra” i colli secondari e li posiziona con una disposizione specifica alla base (solitamente in legno) del pallet. Una costruzione di successo richiede la massima copertura della superficie disponibile della base e l’uso ottimale del suo peso e altezza massimi consentiti.

I bracci robotici utilizzati nelle applicazioni di pallettizzazione sono solitamente a quattro assi, raramente sei, con una capacità di carico da 40 a 700 kg e un raggio di lavoro di circa 3 metri. Il loro utilizzo offre i seguenti vantaggi:

Affidabilità operativa

Requisiti minimi di manutenzione

Velocità elevate che garantiscono un’elevata produttività

Capacità di spostarsi ovunque all’interno della loro gamma, che offre loro un’eccezionale flessibilità per la gestione di prodotti diversi

Precisione e ripetibilità dei movimenti, che garantisce un risultato stabile nella formazione della tavolozza.

 

Processo di pallettizzazione tramite braccio robotico

L’imballaggio terziario è la parte del processo di confezionamento in cui l’imballaggio secondario o di gruppo dei prodotti (scatole, multipack, sacchi, ecc.) Viene posto su pallet pronti, sia per il trasporto al magazzino che per la consegna immediata. la catena di fornitura (centri di distribuzione, clienti, ecc.).

La pallettizzazione si divide in tre fasi distinte:

A. Modellare o costruire un pallet;

B. Avvolgimento del pallet sagomato con film estensibile;

C. Marcatura, codifica e tracciabilità della tavolozza.

Nella sua forma più elementare, la pallettizzazione viene eseguita mediante processi manuali, con conseguenti costi elevati per la manodopera e le materie prime utilizzate, produttività ridotta, alta probabilità di errori, stabilizzazione inaccettabile del pallet, ecc. 

Per i motivi sopra esposti, l’industria manifatturiera ha iniziato a utilizzare metodi e tecnologie di automazione del processo di pallettizzazione.

È ovvio che l’informatica industriale parte dalla pallettizzazione e la sua realizzazione richiede un’azienda specializzata nel campo della marcatura, codifica e tracciabilità industriale.

Per quanto riguarda l’etichettatura sui pallet, può essere effettuata sia offline che online. Nel caso offline, viene utilizzata una stampante termica per etichette e le etichette vengono incollate manualmente. Nel caso di online, viene utilizzato un sistema automatico stampa e applica in cui la stampante termica per etichette è integrata in un meccanismo di etichettatura automatico.

Anche qui la scelta del metodo appropriato è correlata alle particolari esigenze della fabbrica. Data l’importanza della codifica dei pallet e la necessità di utilizzare informazioni standard sulle etichette – leggibili dalla macchina o dall’uomo – che dovrebbero essere comprese in tutte le fasi della catena di fornitura, GS1 ha emesso una direttiva specifica (GS1-128) per la stampa del codice informazioni sulle etichette, nonché sui punti del pallet da incollare.

Ultimi Articoli

Scroll Up