Home > Ultima ora welfare > Verucchio: il Comune riapre il bando per i buoni spesa. Disponibili 50.000 euro

Verucchio: il Comune riapre il bando per i buoni spesa. Disponibili 50.000 euro

Visti il protrarsi dell’emergenza sanitaria e delle misure di contenimento, il Comune di Verucchio ha deciso di riaprire il termine ultimo per la presentazione delle domande per nuovi buoni spesa alimentari a sostegno dei nuclei familiari svantaggiati, la cui situazione si è aggravata a causa dell’emergenza sanitaria. Una seconda tranche da 50.000 euro per cui c’è tempo fino al 15 febbraio.

 

Bandi e contributi per 94.000 euro

Nel frattempo, a cavallo della fine dell’anno, sono stati erogati 94.000 euro a cittadini, attività economiche e associazioni attraverso ulteriori azioni di sostegno a 360 gradi messe in essere nel corso del 2020. I primi 30.000 sono stati suddivisi fra otto associazioni che svolgono attività sportive, culturali, sociali e società sportive dilettantistiche che gestiscono impianti pubblici cui l’amministrazione aveva stanziato un fondo ad hoc a fondo perduto. Altri 8.000 hanno soddisfatto 17 delle 18 domande presentate da associazioni che operano nel terzo settore e in ambito sportivo, 7.200 sono stati assegnati sotto forma di voucher sport alle famiglie e alle associazioni che organizzano corsi, attività e campionati e 6000 sotto forma di sussidio in favore di giovani che svolgono attività sportiva nell’anno scolastico ai 57 che hanno inoltrato domanda. Infine, i 60.000 euro a fondo perduto stanziati dal Comune per le attività economiche messe in crisi dalla pandemia hanno visto soddisfare 63 domande

 

Buoni spesa. Come presentare la domanda

Per richiedere il contributo occorre essere residenti a Verucchio – o domiciliati in forza di un contratto di lavoro, attivo o terminato, con una impresa del territorio – mentre il reddito lordo 2019 ai fini Irpef del nucleo familiare non deve superare i 40.000 euro o 60.000 euro se con due o più figli. Le disponibilità finanziarie liquide al 30 novembre 2020 non devono invece superare i 2.500 euro per nuclei con un solo componente o i 4.000 euro per quelli con più componenti. Infine, a novembre i richiedenti non devono aver avuto entrate effettive da lavoro, pensione, attività professionale e di impresa o altra fonte di reddito rilevante ai fini Irpef o altre imposte sostitutive superiori a 400 euro per componente del nucleo (inteso come valore medio), al netto delle spese per il pagamento dell’affitto, del mutuo prima casa o assegno di mantenimento. 

 

I contributi

I buoni spesa saranno assegnati nella misura di 150 euro per i nuclei familiari composti da una sola persona, di 300 euro fino a tre componenti e di 500 euro per le famiglie con quattro o più persone. 

Condizioni di precedenza – Nell’assegnazione sarà data precedenza a chi non ha avuto il reddito di cittadinanza, di solidarietà, di inclusione, pensione di cittadinanza o altri ammortizzatori sociali per un valore superiore a 300 euro mensili. Verrà inoltre data precedenza ai nuclei monoreddito il cui titolare ha richiesto il trattamento di sostegno al reddito o il cui datore di lavoro abbia richiesto l’ammissione al trattamento di sostegno del reddito ai sensi del decreto “Cura Italia” o abbia sospeso o ridotto l’orario di lavoro per cause non riconducibili a responsabilità del lavoratore. Infine, alle famiglie con componenti di età superiore a 70 anni, minori o portatori di handicap.

Procedure e termini – Le domande dovranno essere presentate tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito del Comune https://www.comune.verucchio.rn.it o ritirabile all’Ufficio Protocollo in municipio dal lunedì al venerdì fra le 9 e le 12,30 e martedì e giovedì anche fra le 14 e le 17.  La domanda, compilata, firmata e corredata di fotocopia del documento potrà essere trasmessa via mail a pec@pec-comune.verucchio.rn.it o consegnata a mano all’ Ufficio Protocollo.

Scroll Up