Home > La puèšia ad Muratori > Zèinta andè in biciclèta

Gnassi u n’à maj smès da dìl,/ adès ch’ul déga ènca Jamil,/ che magàra j dà pjó rèta:/ zèinta andè in biciclèta!

Tót cal pèsti ciclabili,/ li n’è per gl’jautomòbili,/ mo pr i zitadèin ch’i pidèla,/ che si na la saria bèla!

Chi in biciclèta e’ va zà,/ e e’ sèrpègia d qua e d là,/ drèinta e fóra da la pèsta,/ e’ va scanzlèd da i ciclèsta.

Ui vò dl’éducaziòun,/ e qualche pizardòun,/ che ma quii ch’i va òlta,/ ui faza èmènc la multa.

Al biciclèti lis téin bèin,/ lin si lasa a caz de chèn,/ lighèdi mi pél e mal fiurièri,/ ch’u jè apòsta al rastléri,

du ch’al stà pjó sicuri,/ e tènimòdi ui sarà Juri,/ che mi vègil nòta e’ dé,/ ui farà pa sè d’ilé.

Ui sarà pu qualchèdun,/ ch’e’ déga mi pèdun,/ che sal pésti un s’pò andè,/ cumè al pigri a pasculè.

E’ séndic ch’l’è un ciclèsta,/ èmènc da stè punt ad vèsta,/ e sa zà quel ch’l’à da fè: tèsta basa è pidalè.

Ivano Aurelio Muratori

Gnassi non ha mai smesso di dirlo,/ adesso lo dica anche Jamil,/ che magari gli danno più retta:/ gente andate in bicicletta!

Tutte quelle piste ciclabili,/ non sono per gli automobilisti,/ ma per i cittadini che pedalano,/ che se no sarebbe bella!

Chi in bicicletta va già,/ e serpeggia di qua e di là,/ dentro e fuori dalla pista,/ va cancellato dai ciclisti.

Ci vuole dell’educazione,/ e qualche vigile,/ che a quelli che vanno fuori,/ gli facciano almeno la multa.

Le biciclette si tengono bene,/ non si lasciano alla cazzo di cane,/ legate ai pali e alle fioriere,/ che ci sono apposta le rastrelliere,

dove stanno più sicure,/ e tanto ci sarà Juri,/ che ai vigili notte e giorno,/ li farà pas sare da di lì.

Ci sarà pur qualcuno,/ che dica ai pedoni,/ che sulle piste non si può andare,/ come le pecore a pascolare.

Il sindaco che è un ciclista,/ almeno da questo punto di vista,/ sa già quel che de ve fare:/ testa bassa e pedalare.

Ultimi Articoli

Scroll Up