Archive

Brutale aggressione nello spiazzo esterno dell'Ospedale Infermi di Rimini. Un uomo in attesa di un intervento chirurgico è stato aggredito a testate da uno sconosciuto che gli aveva chiesto una sigaretta, che lui gli aveva negato. Ad aggravare il pestaggio un morso all'orecchio, staccato parzialmente con brutalità dall'aggressore alla vittima. Tutto è successo nel pomeriggio di giovedì, un poliziotto in servizio presso il posto di polizia dell’ospedale Infermi di Rimini, aveva chiesto  l’aiuto di un equipaggio delle volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, per effettuare l’arresto di un cittadino straniero colpevole del reato di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso. Alle ore 17 circa, il poliziotto riceveva una segnalazione circa un’aggressione che stava avvenendo all’esterno della struttura ospedaliera. Immediatamente l’operatore si portava sul luogo dell’accaduto, ossia verso uno degli accessi alla struttura, ove vi erano le guardie giurate, anch’esse in servizio presso la struttura ospedaliera, e un soggetto che, nonostante fosse in piedi, risultava ferito, con il viso e la testa completamente ricoperti di sangue, probabilmente derivato dalla visibile lesione del distaccamento parziale dell’orecchio sinistro, ferite al sopracciglio dell’occhio sinistro, escoriazioni al capo ed al braccio. Quest’ultimo riferiva di essere ricoverato presso la struttura in attesa di un

Siamo "il partito di riferimento a sinistra assieme agli alleati di coalizione di Libera"

Abbiamo chiesto a Gerardo Giovagnoli, Segretario del Partito dei socialisti e dei democratici (PSD), una sua riflessione sull’esito elettorale sammarinese e sull’avvio delle consultazioni che il PDCS ha avviato dopo il conferimento dell’incarico da parte dei Capitani Reggenti "Intanto permettetemi di ringraziare i 273 elettori che da fuori San Marino, e presumibilmente molti di loro nel riminese, hanno scelto di votare il Partito dei socialisti e dei democratici. Per la prima volta abbiamo agito in collaborazione con il Partito Democratico e le liste che si sono presentate nelle zone limitrofe, stante la contemporanea andata alle urne sia a San Marino che in diversi comuni italiani. Grazie a questo siamo la seconda forza del paese nell’elettorato estero. Questa scelta è del tutto connaturata al PSD che si è da sempre distinto come il partito con i maggiori rapporti esterni sia a livello italiano che europeo, e queste elezioni hanno sancito per noi un successo oltre ogni aspettativa. Senza dubbio questo è avvenuto perché abbiamo mantenuto la nostra identità ed ora, dopo il periodo di grazia del movimentismo sia a San Marino che in Italia, questa spinta propulsiva si è esaurita ed è tornato il momento dei partiti tradizionali. Infatti oltre a noi coloro che sono

Scm Group continua ad investire per favorire sviluppo e il made in Italy

È stata inaugurata oggi a Rimini, Corpolò, la nuova sede di Hiteco, società di Scm Group, specializzata nello sviluppo e produzione di componenti meccatronici ad alta tecnologia per aziende produttrici di macchine utensili. Nata a Villa Verucchio nel 1977 come reparto interno, con l’obiettivo di fornire componenti (elettromandrini, teste birotative, teste di foratura e aggregati) alle macchine del gruppo per la lavorazione del legno e di altri materiali, Hiteco ha registrato nei decenni una continua crescita, favorita anche da un costante aumento delle esportazioni in Europa, Asia e Nord America dove nel 2020 ha aperto una propria filiale commerciale. Un progressivo sviluppo che ha reso Hiteco uno dei maggiori produttori al mondo nel settore dei componenti ad alta tecnologia per macchine a controllo numerico dedicate alla lavorazione di un’ampia gamma di materiali quali legno, plastica, compositi, vetro, pietra e metallo. Oggi Hiteco è una società controllata al 100% da Scm Group e conta un fatturato di circa 40 milioni di euro di cui oltre la metà derivante da terzi.   La nuova sede di Rimini conta 9000 metri quadrati complessivi rispetto ai 3000 della precedente sede di Villa Verucchio, di cui oltre 7000 destinati ad area produttiva. L’investimento di Scm Group consentirà a

Ridotto a 60 clienti il limite massimo nei tavoli esterni

Con sentenza emessa il 16 aprile scorso il Giudice civile, dott.ssa Maria Saieva, ha accolto il ricorso di alcuni cittadini residenti nelle vicinanze del Birrodromo nell’ex area Padane di Rimini,  per ottenere ai sensi dell’art. 700 c.p.c. “ la cessazione delle immissioni rumorose promananti nelle ore serali e notturne dall’attività di risto-pub nell’area esterna di pertinenza" Il Giudice ha affrontato tutti gli aspetti amministrativi e tecnici del problema incaricando anche un CTU (Consulente Tecnico d'Ufficio) per la misurazione delle immissioni sonori direttamente nelle abitazioni dei residenti che hanno fatto il ricorso. Il risultato è stato il superamento del limite dei decibel previsto dalle leggi vigenti. Si parla di superamento dei decibel nel periodo estivo con le finestre aperte. Per queste ragioni il giudice ha ordinato le seguenti soluzioni: Lo spostamento dell’ingresso clienti dalla dislocazione attuale all’ingresso laterale L’osservanza di un limite massimo di 60 persone complessive compresenti nelle due aree attrezzate esterne. Attualmente vi è la possibilità di ospitare 210 utenti – di cui 140 al nell’area adiacente l’ingresso e 70 nella corte retrostante Il periodo di queste limitazioni va dal 15 giugno al 15 settembre e nella fascia oraria compresa dalle 22:00 fino alla chiusura del locale In alternativa a queste restrizioni il

/