Home > Ultima ora cronaca > Furto da 12mila euro al Sigep Rimini, arrestato si dice innocente

Furto da 12mila euro al Sigep Rimini, arrestato si dice innocente

Dodicimila euro spariti, una colluttazione fra il derubato e il presunto ladro poi arrestat dalla Polfer, la refurtiva che non si trova. Una vicenda ancora tutta da chiarire quella accaduta sabato pomeriggio alla fiera di Rimini durante il Sigep.

Un 36enne di origine algerina ma residente in Francia dove gestisce un bar, si trova agli arresti nel carcere di Rimini per l’ipotesi di reato di rapina impropria. Partecipava alla fiera del dolce come quelli che lo accusano, padre e figlio italiani ma residenti in Germania: avrebbe sottratto loro un borsello contenente 12mila euro in contanti mentre consumavano un gelato in uno stand. Di qui un inseguimento fino alla stazione di Rimini Fiera, dove la Polizia ferroviaria è intervenuta a sedare la colluttazione che si era accesa.

L’algerino, che vive in Francia da moltissimi anni dove gli è stato concesso un permesso di soggiorno a tempo indeterminato, sposato con una cittadina francese, risulta incensurato e ha un aspetto distinto ed elegante. Il denaro scomparso non gli è stato trovato addosso. Si professa del tutto innocente e sostiene di essere rimasto vittima di un malinteso.

Difeso dall’avvocato Gisella Caltavuturo, mercoledì sarà sentito dal Gip Vinicio Cantarini con l’ausilio di un interprete durante l’interrogatorio di convalida che si terrà all’interno della Casa circondariale.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up