Archive

Concerti in programma presso l'Auditorium del Lettimi 

RIMINI JAZZ CLUB  Conservatorio Lettimi Rimini e Conservatorio Bruno Maderna di Cesena   presentano    𝐌𝐚𝐝𝐞𝐫𝐧𝐚-𝐋𝐞𝐭𝐭𝐢𝐦𝐢 𝐉𝐚𝐳𝐳 𝐅𝐞𝐬𝐭𝐢𝐯𝐚𝐥 𝟐𝟎𝟐𝟒 𝗩𝗲𝗻𝗲𝗿𝗱ì 𝟭𝟮 𝗮𝗽𝗿𝗶𝗹𝗲 ore 18.00 - presentazione del libro "𝗕𝗮𝗻𝗱 𝗹𝗲𝗮𝗱𝗶𝗻𝗴" - 𝗜𝘀𝘁𝗿𝘂𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗮𝗹 𝗰𝗮𝗻𝘁𝗮𝗻𝘁𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗴𝘂𝗶𝗱𝗮𝗿𝗲 𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗮 𝗯𝗮𝗻𝗱" 𝗱𝗶 Sara Jane Ghiotti ore 21.00 - 𝗙𝗥𝗔𝗡𝗖𝗘𝗦𝗖𝗢 𝗙𝗔𝗚𝗚𝗜 𝗧𝗥𝗜𝗢 - 𝗝𝗮𝘇𝘇𝘆 𝗕𝗲𝗲𝗰𝗵𝗲𝘀 ore 21.45 - 𝗦𝗔𝗥𝗔 𝗝𝗔𝗡𝗘 𝗚𝗛𝗜𝗢𝗧𝗧𝗜 𝗤𝗨𝗔𝗥𝗧𝗘𝗧 - 𝗡𝗼𝗥𝗶𝗣𝗹𝗮𝘆 𝗦𝗲𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻 𝟭 ------------------- 𝗦𝗮𝗯𝗮𝘁𝗼 𝟭𝟯 𝗮𝗽𝗿𝗶𝗹𝗲 ore 21 - 𝗟𝗮 𝗰𝗹𝗮𝘀𝘀𝗲 𝗱𝗶 𝗰𝗮𝗻𝘁𝗼 𝗷𝗮𝘇𝘇 𝗱𝗲𝗹 𝗖𝗼𝗻𝘀𝗲𝗿𝘃𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶𝗼 𝗰𝗼𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗮𝘁𝗮 𝗱𝗮 Lorena Fontana 𝗽𝗿𝗲𝘀𝗲𝗻𝘁𝗮 "𝗧𝗛𝗘 𝗗𝗔𝗩𝗘 𝗙𝗥𝗜𝗦𝗛𝗕𝗘𝗥𝗚 𝗦𝗢𝗡𝗚𝗕𝗢𝗢𝗞” Auditorium del Conservatorio Lettimi  via Cairoli 44, Rimini Ingresso Libero

Mauro Felicori: “La Regione Emilia-Romagna riconosce la musica quale strumento irrinunciabile di aggregazione sociale, espressione artistica e sviluppo economico”

Promuovere la formazione musicale di base, la musica d’insieme e l’educazione all’ascolto per una cultura diffusa, differenziata e inclusiva. Non solo: valorizzare e promuovere nuovi autori, produzioni caratterizzate da formati e contenuti innovativi e far circuitare il più possibile, anche all’estero, la musica contemporanea originale dal vivo. Per il triennio 2024-2026, la Regione rinnova il proprio impegno per lo sviluppo del settore stanziando oltre 6 milioni di euro. Risorse a sostegno sia dei progetti di qualificazione dell’alfabetizzazione musicale, che dei progetti di valorizzazione e promozione di nuovi autori e della creatività, insieme alla circuitazione della musica contemporanea originale dal vivo. “La Regione Emilia-Romagna riconosce la musica quale strumento irrinunciabile di aggregazione sociale, espressione artistica e sviluppo economico - commenta l’assessore alla Cultura e Paesaggio, Mauro Felicori -. Uno strumento fondamentale per contribuire alla crescita delle persone e delle comunità. Per questo rinnoviamo il nostro sostegno a favore di progetti che sviluppino questi ambiti così importanti, in una regione, peraltro, ‘vocata’ alla musica”.   I destinatari dei bandi I bandi sono rivolti ad associazioni o Raggruppamenti Temporanei di Organismi (RTO) delle scuole di musica iscritte nell’elenco regionale, dei cori o delle bande, per la realizzazione di attività di alfabetizzazione musicale. Per la produzione e fruizione di

Prima edizione subito esaurita, mercoledì 10 aprile alla biblioteca Gambalunga ne parlano l'autore Paolo Nessuno e Giovanni Tommaso Garattoni

“La riviera romagnola di anni passati… Se ti spingevi a nord, là, oltre i confini di Viserba, c’era lo Slego. Era una bella boccata d’aria fresca. C’erano personaggi vivi… reali”. Anche se molti racconti di “Slego (Not Slego)” sono ambientati a Rimini, non si tratta della classica lettura da ombrellone. È un libro che restituisce un’immagine vivida, ma anche cinica, della cultura riminese degli anni Ottanta. Attenzione però. Come afferma l’autore: “Non è un libro nostalgico. Anzi, racconta storie che accadranno la settimana prossima.” Per ascoltare un paio di storie e capire come lo Slego abbia potuto essere protagonista della scena underground degli anni ’80, l’occasione è quella offerta dalla biblioteca Gambalunga di Rimini, mercoledì 10 aprile alle 17:00. Le prime copie del libro sono andate subito esaurite e questa è la sua seconda edizione. Nel corso della rassegna “Libri da queste parti” ci sarà la presentazione del libro "Slego (not Slego)” con la presenza dell'autore Paolo Nessuno in dialogo con Giovanni Tommaso Garattoni (fondatore dello Slego) e Nicola Morganti (editore). Questo il commento di un lettore: “E’ un libro di uno scrittore riminese, ambientato negli anni Ottanta, allo Slego, che era questo locale di Viserba ricavato da una vecchia balera e destinato ad accogliere

Gli artisti hanno incontrato insieme alla sindaca i ragazzi del Centro 21

Una straordinaria prima edizione del Concerto di primavera. Un grande momento di musica e spettacolo, un abbraccio della città di Riccione ai suoi ambasciatori: il Maestro Stefano Bollani e  la moglie riccionese, Valentina Cenni, premiata nel 2022 con il San Martino d’Oro. Al Palazzo dei Congressi, gremito di riccionesi e turisti, la sera di sabato 30 marzo è stata inaugurata la prima edizione del Concerto di Primavera. Con il virtuosismo e l'ironia che lo rendono inimitabile, Stefano Bollani ha accompagnato il pubblico in un viaggio lungo i tanti generi musicali che fanno parte del suo repertorio affettivo e artistico, affascinando i suoi ascoltatori. La sua maestria al pianoforte e la sua capacità di improvvisazione hanno lasciato il pubblico senza fiato, mentre la sua energia contagiosa ha reso l'intera esperienza indimenticabile. Un concerto che ha confermato il suo talento eccezionale e la sua posizione di rilievo nel panorama musicale contemporaneo. Come accade di consueto alla trasmissione “Via Dei Matti N°0”, il Maestro è stato in alcuni momenti affiancato al pianoforte dalla moglie e insieme hanno proposto duetti che hanno conquistato il pubblico. Prima dell’inizio del Concerto di primavera, l’assessore al Turismo Mattia Guidi ha portato i saluti e gli auguri della città di Riccione, annunciando,

/