Home > Almanacco quotidiano > 24 gennaio 2017 – Il pilota riminese Gianmarco Zavoli muore a Rigopiano

24 gennaio 2017 – Il pilota riminese Gianmarco Zavoli muore a Rigopiano

Il 24 gennaio 2017, durante alle operazioni di soccorso dopo il disastro di Rigopiano, in Abruzzo (29 morti in un hotel travolto da una slavina) un elicottero del 118 precipita a Campo Felice. A pilotare il velivolo è il riminese Gianmarco Zavoli. Non ci sono superstiti.

Il riminese Zavoli pilotava l’elicottero 118 caduto in Abruzzo

Gianmarco Zavoli, 46 anni, pilota di elicottero dopo anni di missioni all’estero come militare (anche in Afghanistan alla guida di jet da combattimento), era ai comandi dell’elicottero Aw 139 caduto durante la fase di recupero di un ferito su un campo da sci di Campo Felice. Il veivolo si era alzato in volo, nonostante le condizioni meteorologiche proibitive, nebbia fitta e nubi basse, per recuperare il cinquantenne romano Ettore Palanca che si era fratturato tibia e perone sui campi da sci. Con lui perdono la vita anche gli altri membri dell’equipaggio, Walter Bucci, medico di 57 anni, Giuseppe Serpetti di 55 anni, Davide De Carolis, 38 anni; Mario Matrella di 42 anni, oltre allo sciatore ferito, Ettore Palanca di Roma, di 50 anni.

Zavoli lavorava come pilota per il 118. alternando una settimana in servizio a Rimini ed un’altra a L’Aquila.

A Rimini viveva a San Giuliano mare con la sua compagna Clara, di origine argentina. I suoi genitori per anni hanno gestito l’edicola in piazzale Kennedy.

Scroll Up