Archive

C’è anche Stella Giorgi, sedicenne riminese, nel fantastico cast del musical “Hairspray” che, dopo lo straordinario debutto al Teatro Verdi di Montecatini Terme dello scorso 26 gennaio, sarà in scena da mercoledì 28 febbraio a domenica 3 marzo al Teatro Nazionale di Milano, uno dei templi italiani del musical. “Hairspray” è un viaggio coinvolgente nel cuore degli anni ’60. Attraverso le sue splendide canzoni e la sua grande energia, il musical trasporta il pubblico in un'epoca di cambiamenti sociali e musicali, seguendo le avventure di Tracy Turnblad, una giovane appassionata di ballo con un sogno grande quanto il suo cuore. La trama ruota attorno alla sua audace missione di sfidare gli stereotipi e portare il ritmo travolgente della musica nella vita di tutti i giorni. Tematiche di integrazione, accettazione e celebrazione delle diversità sono al centro dello spettacolo, avvolte in una veste spettacolare di costumi sgargianti e balli scatenati. La versione italiana prodotta da Musical Times e MTA – Musical Times Academy è completamente diversa dalle precedenti produzioni. La regia, guidata da Denny Lanza, e le coreografie strizzano volutamente l'occhio alle versioni d'oltreoceano, utilizzando la danza come strumento di narrazione e non solo come accessorio. Il cast, interpretato da giovanissimi artisti e

Lo spettacolo era in programma al "Galli" il 28 febbraio

La Direzione del Teatro Galli comunica che lo spettacolo Venere Nemica, programmato per mercoledì 28 febbraio, è rimandato a lunedì 29 aprile per problemi di salute della protagonista Drusilla Foer. Tutti i biglietti già acquistati restano validi. Gli spettatori che non potranno essere presenti alla nuova data possono chiedere il rimborso inviando l’apposito modulo disponibile sul sito del teatro all’indirizzo mail biglietteriateatro@comune.rimini.it, con la scansione del biglietto o dei biglietti acquistati. La richiesta deve essere inviata entro sabato 16 marzo 2024. Eventuali biglietti che dovessero tornare disponibili saranno rimessi in prevendita a partire da martedì 16 aprile ore 10.

550 voti espressi nel sondaggio voluto da Comune

C’è ancora una settimana di tempo, per coloro che desiderino esprimere la propria preferenza circa il nome del nuovo istituto scolastico che, a cominciare dall'anno educativo 2024/2025, vedrà uniti i due attuali istituti comprensivi. Un’iniziativa pensata dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con le istituzioni scolastiche: “volta proprio a rendere l’intitolazione un percorso partecipato frutto di un cammino condiviso, in cui tutti gli alunni di Bellaria Igea Marina e le rispettive famiglie siano protagonisti”, come hanno spiegato in una circolare congiunta destinata ai ragazzi Annalisa Celli, dirigente dell’I.C. Bellaira, Myriam Toccafondo, dirigente dell’I.C. Igea, e il Sindaco Filippo Giorgetti.   Sono quasi 550 le preferenze espresse a mezzo del sondaggio approntato allo scopo, ricordando che, per chi ancora non lo avesse fatto, partecipare è semplice ed intuitivo. Sino a giovedì 29 febbraio, è sufficiente infatti visualizzare la circolare pubblicata sul registro elettronico degli alunni – iscritti alle scuole dell’infanzia, alle scuole primarie e alle scuole secondarie di primo grado di Bellaria Igea Marina – e cliccare il link di accesso al sondaggio; qui, lo studente e la propria famiglia possono optare per una delle proposte presenti, “grandi figure appartenenti alla storia del nostro Paese e del territorio, al mondo della letteratura, del cinema, della

E la riminese minaccia azioni legali: "Sponsorizzazioni 24h al giorno per molti mesi danneggiando la salute dei giovani e quella dell'ambiente"

Manuela Fabbri presidente di Basta Plastica in Mare Network ha inviato una lettera aperta a Pier Silvio Berlusconi amministratore delegato delle reti televisive Mediaset  per chiedere di far sparire le bottiglie di plastica dal Grande Fratello. Fabri tiene a specifcare di non aver scitto anche alla produzione Endemol !che fa incetta di tutte le pubblicità/promozioni più o meno occulte senza alcuna etica" ma per cpnoscenza la missiva è stata spedita anche ad AGCOM. "Mediaset - spiega Manuela Fabbri - ha precise responsabilità di ciò che trasmette, e io credo non rispetti a sufficienza la salute dei giovani e di tutti gli utenti molto numerosi sulle sue reti generaliste. Per ora si tratta di denuncia mediatica, ma abbiamo dato mandato alla nostra legale Daniela Addis di Roma, anche Presidente dell’associazione Generazione Mare, di verificare se intraprendere un esposto legale, contro sponsorizzazioni esibite dagli schermi televisivi 24h al giorno per molti mesi, con l’obiettivo di incentivare i consumi per emulazione nei giovani, danneggiando la loro stessa salute e quella dell'ambiente". LA LETTERA Gentile Pier Silvio Berlusconi, mi rivolgo a lei poiché è uomo di valori e padre. La seguiamo da tempo e sappiamo quanto tenga ai buoni comportamenti (meno parolacce e trash) certamente per questione d’immagine

"Ultima edizione comunque perfetta, la canzone di Ghali la mia preferita"

Non dovrebbe spostarsi dalla sua sede naturale, il Festival di Sanremo ma dovesse mai palesarsi un'ipotesi del genere la Romagna sarebbe pronta. A pensarla così è Claudio Cecchetto, talent scout, già conduttore del festival e Visit Ambassador della Romagna, ospite della trasmissione Un Giorno da Pecora su Rai Radio1. "Io - ha argomentato riguardo a un eventuale cambio di sede della kermesse - ho detto che noi ci rendiamo disponibili, visto che il primo festival della canzone italiana venne fatto a Rimini". "Io penso che il festival resti lì, in Liguria - ha aggiunto - ma si potrebbe fare a Rimini con collegamenti con Riccione che potrebbe essere utilizzato come il Casinò sanremese. Di posti adatti ce ne sono diversi". Ad ogni modo, ha sottolineato ripensando alla manifestazione canora da poco conclusa, "l'ultimo festival di Sanremo è stato perfetto, per organizzazione, musica e ascolti. I primi cinque classificati potevano tutti tranquillamente vincere, anche se la mia canzone preferita è stata quella di Ghali". Quanto al dopo Amadeus, ha osservato Cecchetto, "uno Stefano De Martino o un Marco Liorni non sarebbero male. Ma - ha concluso - si potrebbe pensare anche ad una Alessia Marcuzzi". (ANSA)

La drag queen Baby Maky presenta Miss Freaky Candy, Azzurro Fumo, Ella Bottom Rouge ed Elise EN

Il 16 Febbraio Rimini sarà invasa dalle meraviglie del Burlesque grazie all’appuntamento di Piccolo Teatro Burlesque presso il teatro del Bowling Seventies, via Ausa 101 (Cerasolo). Spinti dal desiderio di far riemergere il prestigio dell'Arte del Burlesque, Miss Freaky Candy e Azzurro Fumo daranno vita ad una serata di punta sulla Riviera Romagnola, mai vista prima.  [caption id="attachment_451630" align="alignleft" width="1709"] Azzurro Fumo - Alberto Guerri[/caption]   "Tante le novità per questo primo appuntamento legato al Burlesque: primo fra tutti il format. Non si tratta infatti del solito dinner show o open stage aperto agli iscritti o serata a tema; la novità consiste proprio nel riportare in auge una qualità dello spettacolo ormai persa in favore di quell’intrattenimento fine a se stesso con uno show che varia dal Cabaret, al Variété sino, per l’appunto, al Burlesque. Proprio per questo il filo conduttore del primo appuntamento sarà la Diversità celebrata in tutte le sue sfumature, aspetti e forme senza dimenticare di strizzare l’occhio a quello stile vintage tanto amato nel burlesque e nei teatri di tutto il mondo". Capitana e conduttrice della serata sarà l’artista drag queen Baby Maky, eclettica ed autoironica soubrette vincitrice nel 2016 del titolo di “Drag Queen più bella della Romagna”, che presenterà i performer

Una “ballata teatral-cybernetica” per raccontare la memoria collettiva di una generazione e cinquant’anni della storia di Italia

Una “ballata teatral-cybernetica” per raccontare la memoria collettiva di una generazione e cinquant’anni della storia di Italia, tra avventure, primi amori, faide politiche. Il “set” è il famoso bar della Jole, posto rifugio del protagonista Nicola, che altro non è che alter ego e avatar di Marco Paolini, che torna al Teatro Galli da martedì 6 a giovedì 8 febbraio (ore 21) con il nuovo spettacolo Boomers. Boomers tira fuori conflitti, dinamiche, percorsi, errori storici, occasioni perdute del passato prossimo, di una generazione che ha avuto un impatto pesante sul pianeta sia in termini ecologici che in termini tecnologici ed economici. Ma nel contempo una generazione che ha prodotto menti brillanti, personalità, energie e idee che quell’impatto hanno cercato di combatterlo. Ed è anche la storia di un dialogo tra generazioni interrotto, un rapporto padri e figli sfilacciato che si tenta di riallacciare nella realtà ricostruita in un mondo virtuale. [caption id="attachment_451594" align="alignleft" width="1707"] Marco Paolini[/caption] Ricordi e accadimenti storici si intersecano in una narrazione costruita sui racconti-resoconti delle esperienze di gioco che Nicola compie attraverso un universo ‘parallelo’ creato dal figlio, programmatore di realtà virtuale per una società di videogiochi internazionale. Come fosse un moderno affresco fantascientifico, ci si trova a guardare la scena che si

Il sindaco Sadegholvaad: “Siete ambasciatori del liscio e quindi della nostra terra"

Dieci ballerine e ballerini riminesi sul palco dell’Ariston per l’omaggio a “Romagna mia”. , saprete conquistare Sanremo con il vostro talento e con il vostro sorriso” “Festeggeremo i 70 anni di ‘Romagna Mia’, e trasformeremo l’Ariston nella più grande balera d’Italia”. Con queste parole il conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo Amadeus pochi giorni fa ha annunciato l’omaggio che la più celebre rassegna della canzone e del costume italiano renderà al brano che Secondo Casadei pubblicò nel 1954, diventando poi un inno popolare e simbolo di una terra conosciuto in tutto il mondo. Per celebrare questa ricorrenza e per raccontare la forza e il sorriso della Romagna, sul palco dell’Ariston mercoledì 7 febbraio salirà la nuova orchestra "Santa Balera", un progetto del patron del Mei Giuliano Sangiorgi che porterà alla ribalta 15 giovani musicisti di tutta la Romagna. Anche Rimini sarà presente sul palcoscenico più famoso d’Italia grazie alla presenza di dieci ballerini riminesi: Christian Ermeti, Elisa Fuchi, Francesco Amati, Micol Curzi, Matteo Carghini, Rachele Mori, Edoardo Silvi, Beatrice Biondi, Mattia Bonci e Alice Nicoletti. Il gruppo è stato ricevuto oggi dal sindaco Jamil Sadegholvaad, insieme al promotore del progetto Santa Balera Sangiorgi. “Salire sul palcoscenico del Festival di Sanremo è di per

Dalla postazione di Viva Rai2 arriva la clip per lanciare nuova avventura di Claudio Cecchetto

Domani, giovedì 1° febbraio nasce Radio RICCIONE ON AIR con gli auguri di un "padrino" d'eccezione: FIORELLO Dalla postazione di Viva Rai2 fa gli auguri alla mia nuova Radio Web "RICCIONE ON AIR" che si affianca a RADIO CECCHETTO Annuncia Claudio Cecchetto: "Allego il post che mi ha inviato l'amico Fiorello con i co-protagonisti del suo programma su Rai2 e li ringrazio di cuore per gli auguri fatti a questa mia nuova avventura. Dal 1° febbraio "Una Radio Nuova per una Nuova Radio". Radio Web "RICCIONE ON AIR" l'ascolti all'indirizzo www.riccioneonair.it Social Instagram: @riccioneonair [video width="1920" height="1080" mp4="https://www.chiamamicitta.it/wp-content/uploads/2024/01/FIORELLO-nasce-Riccione-Onair.mp4"][/video]

Una sorta di anticipazione della Notte Rosa targata Cecchetto, che non a caso sarà all'Ariston per tutta la manifestazione

"Festeggeremo i 70 anni di ‘Romagna mia’ e trasformeremo l'Ariston nella più grande balera d'Italia. Ci sarà tanta festa e tanta allegria". Con queste parole Amadeus ha annunciato - per mercoledì 7 febbraio - l'esibizione dell'orchestra Santa Balera (composta da 15 musicisti e 10 ballerini che rappresenta la Generazione Z del liscio). Annuncio che suona come una sorta di lancio per quel che accadrà nella riviera romagnola con la Notte Rosa 2024, quando Claudio Cecchetto, Ambassador di Visit Romagna, ha detto di voler creare la più grande discoteca a cielo aperto d'Italia con il ballo in primo piano a iniziare dal liscio. E non pare un caso che Cecchetto sarà a Sanremo per tuta la durata de festival. La canzone - scritta nel 1954 da Secondo Casadei, zio di Raoul - è divenuta non solo un simbolo della Romagna, ma di tutto il bel paese. Ancora forte è il ricordo degli alluvionati romagnoli che in mezzo a fango, secchi e badili, a maggio scorso, intonavano e ballavano nelle vie e nelle piazze quello che è diventato un vero inno della rinascita. In quelle settimane anche grandi artisti italiani hanno voluto interpretare “Romagna mia” per rendere omaggio all'Emilia-Romagna messa in ginocchio dall'eccezionale ondata maltempo.

Uno dei 5 biglietti superfortunati è stato venduto nel Comune di Montescudo-Montecolombo, uno di terza categoria a Morciano

Ecco le serie, i numeri e dove sono stati venduti i primi cinque biglietti della Lotteria Italia 2023 estratti dal “Comitato per l’espletamento delle operazioni relative alle lotterie ad estrazione differita” composto, tra gli altri, dal direttore della Direzione giochidell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, Mario Lollobrigida. Il quinto premio da un milione è andato al biglietto: Serie N numero 454262 venduto nel comune di Montescudo-Montecolombo in provincia di Rimini. Il quarto premio da 1,5 milioni di euro va al biglietto Serie C numero 410438 venduto a Roncadelle (Brescia). Il terzo premio da 2 milioni va al biglietto Serie I numero 191375 venduto a Albuzzano (Pavia). Secondo premio da 2,5 milioni al biglietto Serie M numero 382938 venduto a Campania in provincia di Salerno. Il primo premio da 5 milioni è andato al biglietto Serie F numero 306831 venduto a Milano. I 5 pacchi con i premi principali sono stati abbinati ai 5 vip: Stefano Accorsi (simbolo Ferro di cavallo), Iva Zanicchi (Cornetto rosso), Lillo (Gufo), Francesco Paolantoni (Quadrifoglio) e Maria Chiara Giannetta (Coccinella). Il primo premio da 5 milioni è stato abbinato al pacco di Iva Zanicchi. Il secondo premio da 2,5 milioni è legato al pacco della Giannetta. Il terzo premio da 2 milioni è

Lettera del direttore artistico di radio Deejay al Corriere della Sera: "Claudio nella sua trasmissione con cura meschina ha evitato anche solo di nominarmi"

Anno nuovo, diatriba vecchia. Anzi vecchissima, che va avanti da quasi trent'anni, quella fra Claudio Cecchetto e Linus. L'ultima puntata è la replica del conduttore di Radio Deejay all'intervista che Cecchetto ha rilasciato al Corriere della Sera. Entrambi dicono di non aver mai denigrato l'altro, ma intanto il botta e risposta va avanti e ha coinvolto anche Jody, il figlio di Cecchetto e Mapi Danna. Ed ecco la lettera di Linus al Corriere della Sera, dove compaiono anche la Notte Rosa e il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad: Caro direttore, cominciamo dalla fine, cioè da questa crocefissione degli ultimi giorni. Non ho risposto al post del figlio di Cecchetto se non scrivendogli direttamente sul suo profilo. Non volevo essere sgarbato e non volevo alimentare una polemica basata sul nulla. Poi evidentemente l’attualità non ha regalato niente di interessante in questo inizio anno ed eccoci qua. Solo per puntualizzare alcune cose, in particolare in riferimento all’ennesima intervista rilasciata dallo stesso Cecchetto. Ho lavorato con lui per dieci anni, lui era il boss, io un ragazzino. A lui devo tutto il mio successo, e l’ho scritto e dichiarato in ogni occasione. Su ogni libro che ho scritto e in ogni intervista che mi hanno fatto, controllate pure. Ma i ragazzini crescono