Home > Cultura e Spettacoli > Quando era tutta colpa di Ceccaroni

Ogni tanto leggiamo o vediamo delle prese in giro del nostro attuale Sindaco Andrea Gnassi. Ci dicono che verso queste egli abbia un atteggiamento molto da fair play (ovvero un comportamento improntato a signorile gentilezza nei rapporti con gli altri).

Del resto per la sua visibilità il “primo cittadino” è anche il “primo” a essere continuamente investito da critiche e a vedere le sue sfortune politiche trasformarsi in dileggi.

Come del resto testimonia anche il bel saggio di Davide Bagnaresi sullo storico sindaco di Rimini Walter Ceccaroni e la satira apparso nel volume miscellaneo “La costruzione di una città turistica. Walter Ceccaroni amministratore pubblico” a cura di Angelo Turchini (Capitani, 2013).

Negli anni ’50 “la satira politica riminese appare ancora molto acerba”, quella democristiana prediligeva “colpire il partito avversario (e non i suoi membri)”, ma Ceccaroni, per il ruolo ricoperto, fu comunque “uno dei bersagli principali di uno scherno mai pesante e sempre rispettoso”.

“Le battute, le filastrocche, i giochi di parole, i fotomontaggi, le caricature inserite ne Il Ponte, Il Corso, La Provincia, L’Alfiere, Il Goliardo furono, in buona parte, concentrate in due periodi storici: la seconda sospensione da Sindaco e la fine del suo mandato”.

Spesso le vignette evidenziavano le “rotondità corporee” di Ceccaroni: “benché mai in modo esasperato Ceccaroni non fu esente dallo scherno dei tratti fisici: l’elemento più caratteristico della satira, sin dalla sua nascita”.
Riproduciamo alcune caricature apparse su Ceccaroni nel corso degli anni ’50 e ’60.

1

1953. Ceccaroni by Cumo su l’Almanacco di Rimini

2

12 dicembre 1954. Il Ponte. Caricatura di Ceccaroni di Cumo a proposito della sua sospensione da Sindaco

3

1965. Ceccaroni vignetta apparsa su un volantino di Concentrazione democratica (DC-PSDI-PRI) per la campagna elettorale su presunti “aiuti” del PLI e del MSI per la sua rielezione

4

21 dicembre 1970. L’Alfiere (giornale della DC). Caricatura di Ceccaroni dopo la sua sostituzione da Sindaco. La didascalia riprende l’espressione di Luigi XV Apres moi le deluge … come a pronosticare grandi incertezze per la comunità dopo la caduta dell’”impero ceccaroniano”

Paolo Zaghini

Ultimi Articoli

You may also like
A.A.A. Foto di Cerasolo Ausa cercasi
L’uomo che costruì gli asili di Rimini
Che ci facevano Fellini, Giulietta e Anouk Aimée a Taverna di Monte Colombo?
Il PCI di Coriano e quella politica che non c’è più
Scroll Up