Home > Almanacco quotidiano > 24 febbraio 1321 – Pandolfo Malatesta alla conquista delle Marche

24 febbraio 1321 – Pandolfo Malatesta alla conquista delle Marche

Il 24 febbraio 1321 si firma il trattato fra Pandolfo Malatesta e il Rettore della Marca anconetana, Amelio di Lautrec, abate di San Saturnino di Tolosa e vescovo di Castre. Secondo il patto, Pandolfo “..dovea prendere la condotta delle genti da opporre ai ribelli, nominalmente al conte Federico da Montefeltro et alle città di Fano, Cagli, et Urbino”.

Il Torrione di Cagli

Il Torrione di Cagli

In realtà la situazione è molto più ingarbugliat. Non è il solito incarico militare da parte del rappresentante del Papa conferito a un notorio capo guelfo per combattere ribelli ghibellini ed “eretici”. Il vero nemico di Pandolfo appartiene alla sua stessa famiglia .

ms-chigiano-l-viii-296-f-39r-xiii-sec-giovanni-villani-cronaca-c2abcome-la-cittc3a0-di-firenze-si-partc3ac-e-si-sconcic3b2-per-le-dette-parti-bianca-e-nerac2bb

Ma chi è Pandolfo I Malatesta? È il più giovane dei quattro figli maschi del grande Malatesta da Verucchio, che Dante Alighieri chiamò “Il Mastino”: colui che visse cent’anni,  almeno seconda la non smentita tradizione. Che fondò la potenza della famiglia impadronendosi nel 1295 di Rimini e subito dilagando nella città circostanti. Pandolfo nasce intorno al 1268 dalla seconda moglie del Malatesta,  Margherita Paltonieri (o Paltronieri, Paltrineri) da Conselice; il nome che porta e che così tanta fortuna avrebbe avuto nell’onomastica malatestiana, gli perviene dal nonno materno, Pandolfo Paltonieri, proprietario di molte terre.

Ai primi del ‘300 il padre pare avere molta fiducia nelle doti amministrative dell’ultimogenito: da una certa data in poi quasi tutte le transazioni sono firmate da Pandolfo.

Nel 1304, alla morte del fratello maggiore Giovanni “lo zoppo” (“Gianciotto”), il “Mastino” sceglie proprio Pandolfo per operare sul fronte marchigiano, mentre Rimini è affidata al fratellastro maggiore Malatestino “dall’occhio”. Succede quindi a Gianciotto come podestà di Pesaro e governa anche Fano per conto di Malatestino. Poi sono Senigallia e Fossombrone a entrare nell’orbita guelfa, cioè malatestiana.

La Corte Malatestiana di Fano

La Corte Malatestiana di Fano

Fra alti e bassi, dopo oltre 15 anni di lotte quel che ha guadagnato Pandolfo è molto più di quel che ha perduto. Nel 1312 il “Mastino” muore lasciando a Pandolfo un terzo dei suoi ingenti beni. Nel 1317 pure Malatestino viene meno e Pandolfo è signore anche a Rimini. Molesta San Marino, preme su Fano passata momentaneamente ai Ghibellini e sulla stessa loro roccaforte Urbino, occupa abusivamente Cervia e le sue preziose saline. Non vuole pagare la tallia militum al Papa. Ma Giovanni XXII ha bisogno di lui e deve far finta di nulla: i Ghibellini si stanno rinforzando troppo. Finché dopo laboriose trattative si giunge al patto del 24 febbraio.

Papa Giovanni XXII

Papa Giovanni XXII

Anche perché non c’è più tempo da perdere. Nel marzo 1320 i Ghibellini hanno addirittura invaso il contado riminese uccidendo e devastando: ne fanno le spese Cerasolo, Montescudo e forse Montegridolfo. Sono milizie aretine, pisane, lucchesi, ma alla loro testa c’è  Uberto conte di Ghiaggiolo. Nientemeno che il figlio di Paolo “il bello”, l’amante di Francesca nonché defunto fratellastro di Pandolfo.

Montegridolfo

Montegridolfo

Dunque un Malatesta. Quindi è lui il nemico più pericoloso. Non tanto per il suo essere passato ai Ghibellini alleandosi con i Feltreschi (del resto il conte Federico da Montefeltro era figlio di Manentessa di Ghiaggiolo, zia di Orabile Beatrice, madre di Uberto), ma per le sue pretese su almeno una parte dei beni di famiglia accampando diritti non del tutto infondati. 

Pandolfo parte alla controffensiva, si impadronisce di Montefabbri e Montegranelli e da lì assedia Urbino.

Urbino nella mappa do Tommaso Luci (1689)

Urbino nella mappa di Tommaso Luci (1689)

L’8 dicembre 1321 , dopo le sentenze di colpevolezza emesse dall‘inquisitore fra’ Lorenzo da Mondaino, Giovanni XXII ordina ai Legati di Romagna, Marca e Ducato di Spoleto di bandire una crociata contro il conte di Montefeltro, i suoi alleati e aderenti (le città di Spoleto, Urbino, Osimo e Recanati), riconosciuti colpevoli di eresia e idolatria. Per quanti avessero preso la croce contro questi “eretici”, è prevista la stessa indulgenza che la Chiesa concedeva a coloro che andavano a combattere contro gli infedeli in Terra Santa (“crux transmarina” ).

guelfi-ghibellini

Urbino si solleva contro i Montefeltro e i Guelfi della città trucidano il conte Federico e suo figlio Guido.  I Ghibellini sembrano dispersi. Nel 1323 il riconoscente Giovanni XXII fregia il vittorioso Pandolfo del titolo di cavaliere. Alla nozze di suo figlio Galeotto con Elisa de la Valette, nipote del suddetto cardinale e rettore Amelio, giunge tutta l’Italia (guelfa) che conta.

Però il  conte Uberto è sempre un pericolo e nello stesso 1323 imbastisce l’ennesima congiura irretendo anche Ramberto, figlio di Gianciotto. Ma il 21 gennaio 1324 è proprio Ramberto a sbarazzare lo zio dell’ingombrate nipote, facendolo ammazzare a tradimento nel suo castello di Ciola e lasciando poi ritrovare il cadavere in un sacco, abbandonato sulla piazza di Mercato dei Brandi (oggi Mercato Saraceno).

Due anni dopo se ne va anche Pandolfo, a quanto parrebbe di morte naturale. La Marca “anconetana” ormai è in realtà in gran parte malatestiana.

Scroll Up