Archive

In recupero la qualità della vita degli anziani (41°)

Sondrio per i bambini, Gorizia per i giovani e Trento per gli anziani. Sono queste tre province italiane a garantire una migliore qualità della vita alle rispettive fasce d’età. E a trionfare, di conseguenza, nell’edizione 2024 degli Indici generazionali del Sole 24 Ore. La Qualità della vita di bambini, giovani e anziani, giunta alla quarta edizione, è stata presentata ieri in anteprima al Festival dell’Economia di Trento: le classifiche misurano le risposte dei territori alle esigenze specifiche dei tre target generazionali più fragili e insieme strategici, i servizi a loro rivolti e le loro condizioni di vita e di salute. Le classifiche, pubblicate la prima volta a giugno 2021 come una tappa della storica indagine sui territori italiani più vivibili, misurano le “risposte” dei territori alle esigenze specifiche dei tre target generazionali più fragili e insieme strategici, i servizi a loro rivolti e le loro condizioni di vita e di salute. Tra le nuove voci inserite quest’anno ci sono gli utenti dei servizi sociali comunali e la partecipazione civile degli over 50, questa elaborata dal Centro Studi Tagliacarne, nell’indice dedicato agli anziani; le trasformazioni in contratti a tempo indeterminato di rapporti di lavoro in essere e l’imprenditorialità under 35 per l’indice dei

Visite senologiche e una clinica mobile per esami diagnostici gratuiti in piazza. Un'iniziativa promossa dal “Comitato progetti sociali” di Roma

Riccione, il prossimo autunno, ospiterà la campagna di prevenzione “Salute in comune” promossa dall’ente “Comitato progetti sociali” di Roma. Il progetto prevede la presenza in città di una clinica mobile attrezzata di ecografo e mammografo ad alta definizione e uno staff medico di specialisti per fornire visite senologiche ed esami diagnostici gratuiti. Il tumore al seno, infatti, colpisce una donna ogni 8 e la prevenzione precoce è una risposta importante che coinvolge tutta la popolazione. Le cliniche mobili di ultima generazione vengono configurate con la dotazione strumentale idonea ai progetti di check-up gratuito rivolto alle giovani donne residenti, dai 20 ai 44 anni; un ecografo, un mammografo ad alta definizione e una stazione di lavoro per la refertazione, effettuata da radiologi e specialisti. A ridosso dell’iniziativa e tramite un’opportuna campagna di informazione, saranno resi noti i recapiti a cui rivolgersi per prenotare la visita gratuita, fino ad esaurimento posti disponibili.

Ecco le iniziative nei Distretti sanitari di Rimini e di Riccione

Con la legge regionale 2/2014 ‘Norme per il riconoscimento e il sostegno del Caregiver familiare (persona che presta volontariamente cura ed assistenza)’ la Regione Emilia-Romagna ha inteso valorizzare la figura del Caregiver, in sintonia con le esigenze della persona cara accudita. La cura familiare e la solidarietà sono considerati beni sociali da riconoscere e promuovere nell’ambito della comunità e delle politiche di welfare al fine di arginare senso di solitudine e abbandono. La Giornata del Caregiver familiare, dunque, riconosce e valorizza chi, volontariamente, in modo gratuito e responsabile, si prende cura di una persona cara consenziente in condizioni di non autosufficienza o con necessità di ausilio per lunga durata. In occasione dell’edizione 2024 del Caregiver Day i Distretti Socio Sanitari di Rimini e di Riccione, con la partecipazione e la collaborazione delle Amministrazioni locali e degli enti del terzo settore e delle associazioni del territorio, organizzano una serie di incontri e azioni di informazione e sensibilizzazione per promuovere i percorsi di riconoscimento e sostegno del caregiver familiare. Tutti gli eventi vedranno la partecipazione di alcuni operatori del Servizio sociale territoriale distrettuale, che forniranno informazioni sui servizi disponibili. Ecco le iniziative in calendario sul territorio del Distretto di Rimini Nord: • Bellaria Igea Marina - mercoledì

Approvato finanziamento e individuato il gestore

Un nuovo centro aggregativo che funga da catalizzatore per le attività sociali, culturali e ricreative. Nell’ultima seduta di Giunta, l’amministrazione comunale di Rimini ha dato il via libera al finanziamento per la gestione del progetto volto alla creazione di un ambiente nella zona Vergiano/Spadarolo che migliori la qualità della vita sociale della comunità locale mediante attività di socializzazione e integrazione capaci di consolidare il legame comunitario. Uno spazio, dunque, di scambio e supporto per il potenziamento dell’identità individuale e collettiva delle persone di tutte le età, come giovani, adulti e anziani, in grado di incoraggiare l’incontro tra generazioni diverse e promuovere la coesione del tessuto sociale. L’iniziativa risponde infatti a un bisogno locale di valorizzazione di momenti e occasioni aggregative nelle aree più lontane del centro storico, e, allo stesso tempo, mira a porre le basi per una nuova visione di comunità in cui ogni membro partecipi in maniera attiva alla vita del territorio, condividendo idee e progetti, o trascorrendo semplicemente il proprio tempo libero. Il Comune, dopo aver dato corso alla procedura di selezione e individuato il soggetto che gestirà le attività dell’avviso, stipulerà con esso una convenzione che avrà una durata massima di 3 anni per un importo totale di 66 mila euro, il che

Il comune attiva il servizio di trasporto fino agli ambulatori trasferiti nella ex casa di riposo

Attivo da lunedì 27 maggio un servizio navetta gratuito dall’Ospedale Cervesi alla ex casa di riposo Galli di Cattolica. È stato messo a disposizione dall’Amministrazione comunale a favore di cittadini e cittadine che dovranno raggiungere gli ambulatori temporaneamente trasferiti alla Galli, in via Mentana 15, e che, come disposto dalla Ausl Romagna, saranno operativi a partire dal prossimo 27 maggio. La navetta, in funzione dal lunedì al venerdì (mattino 8.45-12.45 e pomeriggio 15.15-18.15) e per 7 ore al giorno, è un mezzo da 9 posti (in grado di ospitare anche i passeggini) della “Salvadori Autolinee”. “È un servizio fondamentale che, come Amministrazione, abbiamo voluto attivare, gratuitamente, per agevolare i cittadini nel raggiungimento degli ambulatori trasferiti dall’ospedale alla struttura Galli – spiega l’Assessore ai servizi socio-sanitari Nicola Romeo –. Al momento non conosciamo ancora quanti e quali tipologie di ambulatori siano stati spostati nella ex casa di riposo. La Ausl dovrebbe comunicarlo a breve. Nel frattempo, il servizio navetta è pronto a diventare operativo a favore di tutti i pazienti che, con questa riorganizzazione, devono spostarsi alla Galli per sottoporsi a visita ambulatoriale”. Il servizio, in fase di sperimentazione, resterà attivo fino a mercoledì 17 luglio 2024, con i seguenti orari:   Partenze Ospedale Cervesi: Mattina:

Potranno sostare nei parcheggi blu e in quelli a disco orario.  Il permesso sarà valido fino al compimento del primo anno di vita del bimbo

La Giunta comunale ha approvato l’istituzione del contrassegno identificativo temporaneo “Permesso rosa” riservato alle donne residenti nel Comune di Riccione in stato di gravidanza e con bambini fino ad un anno di età per poter parcheggiare agevolmente in città. I permessi, che si traducono in contrassegni nominativi da esporre in originale sul cruscotto dell’auto, consentiranno la sosta negli appositi “stalli rosa” che saranno realizzati in città oppure, in assenza di questi, la sosta gratuita negli stalli a pagamento e per un orario illimitato nelle zone dedicate alla sosta con disco orario. Tali concessioni saranno valide su tutto il territorio comunale. Nelle prossime settimane saranno realizzati i primi stalli rosa in prossimità del centro città e dei principali luoghi frequentati dalle famiglie, ad esempio supermercati e presidi sanitari. Il permesso del contrassegno rosa avrà una validità massima di diciotto mesi a partire dalla data del rilascio e potrà essere utilizzato tra i nove mesi di gravidanza della richiedente fino a massimo 12 mesi d’età del bambino. Se il contrassegno sarà rilasciato dopo la nascita del figlio, il permesso avrà validità fino al raggiungimento dei 12 mesi di vita del bambino. Le richiedenti potranno fare domanda per il rilascio del permesso rosa attraverso il modulo

1.334 avvocati e volontari in campo, un valore del lavoro legale pari a 1,8 milioni di euro. Presentato, oggi a Rimini, il Bilancio sociale 2023 dell’Associazione nel corso dell’Assemblea nazionale

L’Associazione “Avvocato di strada” onlus sempre al fianco degli ultimi.  Sono state infatti 2691 le persone assistite gratuitamente in tutta Italia. 1.334 avvocati e volontari impegnati quotidianamente in 60 città italiane. Un valore del lavoro legale messo gratuitamente a disposizione degli ultimi pari a 1,8 milioni di euro. Questi alcuni dei dati contenuti nel Bilancio sociale 2023 di Avvocato di strada, che è stato presentato pubblicamente nel corso dell’Assemblea nazionale che si è tenuta a Rimini oggi, sabato 18 maggio. "Diritto alla residenza, diritto di famiglia, fogli di via, tutela di persone vittime di violenze e aggressioni, multe paradossali e diritto dell’immigrazione – sottolinea il presidente Antonio Mumolo - .Le attività dei nostri volontari hanno riguardato le pratiche più disparate. Anche quest’anno, purtroppo, il tema maggiormente trattato è stato quello della residenza anagrafica. Da oltre venti anni ribadiamo in ogni tribunale, e in ogni occasione, che il diritto alla residenza anagrafica deve essere garantito a chiunque perché altrimenti le persone non possono curarsi, non possono avere documenti, non possono trovare lavoro o ricevere una pensione. Eppure, ancora oggi, questo diritto non viene garantito, e nel 2023 ben 727 persone per ottenere la residenza hanno avuto bisogno di un avvocato che battagliasse

Il CSR ha organizzato un tour per incontrare i candidati a sindaco dei Comuni dell'Area Vasta

Il bilancio di esercizio del CSR-Consorzio Sociale Romagnolo certifica lo stato di buona salute della compagine nata a Rimini e divenuta oggi un punto di riferimento per la cooperazione sociale di inserimento lavorativo dell'Area Vasta della Romagna. BILANCIO 2023. Al 31.12.2023 il bilancio è stato chiuso infatti con un fatturato di poco superiore ai 34 milioni di Euro (era stato di 32,6 milioni di Euro l'anno precedente), un risultato maturato grazie ai tanti servizi e alle attività svolte dalle cinquanta cooperative sociali aderenti, per le quali il CSR opera da general contractor e da ufficio gare. Il bilancio è stato approvato all'unanimità dai cooperatori presenti nei giorni scorsi nel Palazzo del Ridotto di Cesena, città scelta quest'anno come luogo di incontro per i referenti delle cooperative associate. Oltre al record di fatturato, tra i dati più significativi: la partecipazione a circa 60 gare vincendone l'80%; e le più di 40 convenzioni attivate con le imprese secondo la Legge Regionale 17 che hanno favorito anche nel privato l'inserimento lavorativo di persone svantaggiate: un dato che sta crescendo dopo lo stallo dovuto alla pandemia. IMPATTO SOCIALE. L'Assemblea ha poi approvato all'unanimità il Bilancio Sociale 2023, all’interno del quale ha trovato risalto l’aggiornamento sul percorso

L'evento si svolgerà alla Locanda "I Girasoli" di Misano e sosterrà i progetti di ricerca più innovativi

Il territorio di Riccione continua nel suo impegno a favore della lotta contro il cancro e della ricerca scientifica. Neanche il tempo di “chiudere” la Festa della Mamma, weekend durante il quale una cinquantina di volontari della cittadina adriatica si sono alternati senza sosta nei 19 punti di distribuzione aperti sul territorio,  distribuendo quasi 1500 azalee, che ricomincia un altro “Charity Dinner”. L’appuntamento è per venerdì 17 maggio, dalle 20, alla “Locanda I Girasoli” di Misano Adriatico, per una cena gourmet con quota di partecipazione di 60 euro che comprende un aperitivo di benvenuto; tartelletta di pasta brisè con spuma di ricotta, verdure croccanti e crema di melanzane come antipasto; primo di tortello di bufala su guazzetto di pachino e pesto di basilico; secondo a base di morbido di vitello al Barolo accompagnato da giardinetto di verdure; e bis di dolci composto dalla torta celebrativa e cannoli, proposti rispettivamente da due rinomate pasticcerie del territorio, la “Tommasini” e la “Moderna”. Le bevande sono incluse: il vino d’accompagnamento sarà il Sangiovese Gregorio della Tenuta Santini. Ovviamente ad essere compresa nella quota di partecipazione sarà anche la solidarietà: come detto, tutto il ricavato verrà utilizzato per sostenere gli studi più promettenti portati avanti presso

Giovedì 16 maggio i cittadini riccionesi over 60 sono invitati a partecipare ad un confronto in Comune

Giovedì 16 maggio, nella sala del Consiglio comunale di Riccione, si parlerà di vacanze estive per la terza età. Infatti, a seguito di procedura di co-progettazione ad evidenza pubblica, il Comune di Riccione ha individuato in “Più siamo meglio stiamo Auser Insieme Aps”, l’ente del terzo settore che, in collaborazione con l'Amministrazione comunale, si occuperà dell’organizzazione e della gestione del progetto “Turismo sociale per la terza età”, rivolto ai cittadini over 60, residenti nel Comune di Riccione per il triennio 2024-2026.  All’incontro saranno presenti, tra gli altri, l’assessora ai Servizi Sociali Marina Zoffoli, i referenti dei Servizi Sociali del Comune di Riccione, oltre ai referenti dell’associazione individuata e, in questa occasione, saranno forniti i dettagli organizzativi e le proposte per l’estate 2024. L’attuazione di azioni finalizzate alla realizzazione del “Turismo sociale terza età” è un’iniziativa che coinvolge il Comune riccionese da diversi anni, a sostegno dei propri cittadini che aderiscono a vacanze estive in gruppo, in varie località di montagna o termali. L’amministrazione intende continuare a promuovere tali iniziative per sostenere la qualità della vita dei cittadini con opportunità di svago e socializzazione, prevenire e contrastare i rischi derivanti da situazioni di solitudine, isolamento e disagio e in un’ottica di sostegno al benessere

A Morciano e Montefiore Conca due anziani soccorsi dalle forze dell'ordine

La Polizia Locale dell'Unione Valconca scende in campo al fianco delle fasce di popolazione più fragili. Negli ultimi mesi, gli agenti si sono resi protagonisti di due interventi, soccorrendo e fornendo assistenza ad altrettanti anziani che si erano smarriti e non riuscivano più a trovare la via di casa. Un episodio è avvenuto durante la Fiera di San Gregorio, quando un anziano affetto da demenza senile, si era allontanato dalla propria abitazione, e i familiari avevano allertato carabinieri e polizia locale, facendo scattare le ricerche. Grazie alla loro professionalità, gli agenti hanno rincuorato l’uomo che si mostrava visibilmente disorientato e grazie all’avviso di ricerca emesso, sono riusciti a contattare i famigliari, accompagnandolo così a casa. Un altro caso, invece, si è verificato il 6 maggio, quando una pattuglia in servizio di controllo territoriale e presidio a Montefiore Conca è stata allertata dalla clientela di una farmacia, che ha segnalato la presenza di una donna anziana in difficoltà. Gli agenti, dopo aver constatato che la donna non aveva bisogno di cure mediche, essendo senza telefono e documenti con sé, sono stati in grado di risalire all’indirizzo di casa del figlio residente a Riccione, riportando così l’anziana, anche in questo caso, sana

LegaCoop: "Non aiutano nemmeno gli immigrati, peraltro in calo e con sempre meno figli"

La Romagna resta in pieno inverno demografico. Come testimoniano i dati dell'analisi condotta dal Centro studi della cooperazione di Legacoop Romagna in base a statistiche Istat che sarà presentata martedì prossimo 14 maggio alle 9 al mercato coperto di Ravenna, in occasione dell'assemblea di bilancio di Federcoop Romagna. La rilevazione, dunque, conferma la tendenza al costante invecchiamento della popolazione romagnola, che "invecchia di più" rispetto alla nazione e anche al resto della regione. All'1 gennaio 2024 circa un romagnolo su quattro, il 25,2%, è ultra 65enne, contro il 24,6% degli abitanti dell'Emilia-Romagna e il 24,3% degli italiani. Il primato va a Ravenna, con il 26% di anziani, seguita da Forlì-Cesena e Rimini. Certo, chiosano i cooperatori, l'invecchiamento è anche il risultato dell'efficienza dei servizi sanitari e socio sanitari territoriali, ma "si accompagna a un ulteriore trend in inesorabile discesa, ovvero il calo delle nascite". Nel 2023 in Romagna sono nati 123 bambini in meno rispetto al 2021, con un saldo positivo a Forlì-Cesena, 38, e negativo a Rimini, 15, e Ravenna, 146. E sono in calo anche i bambini nati da coppie straniere, in controtendenza rispetto al 2021 e agli ultimi 30 anni. Dunque, commenta la responsabile del Centro studi Simona Benedetti,