Home > Economia > Ambiente > Greta come Giovanna d’Arco, ma nessun rogo la toccherà

Greta come Giovanna d’Arco, ma nessun rogo la toccherà

Troppo giovane, esibizionista, manovrata dagli adulti, malvestita, debole di mente, seguita solo per moda, dovrebbe trovarsi un fidanzato ma è troppo bruttina, e si sfoga sostenendo cause più grandi di lei. Oppure eroica, innocente, spirito fortissimo racchiuso in un corpo piccolo e fragile, lingua pura attraverso cui parla la verità, e che riesce a farsi ascoltare dai potenti.

Stiamo parlando di Greta Thunberg e delle reazioni e dei sentimenti contrapposti che suscita? Sì e no. Sì, perché tutte le cose di cui sopra sono state dette anche di Greta Thunberg, no, perché quel doppio corredo di critiche e sospetti da un lato, di lodi e ammirazione dall’altro, è stato inaugurato quasi ottocento anni fa, con un’altra ragazzina straordinaria e divisiva, non svedese ma francese, di nome Giovanna d’Arco, poi canonizzata.

Aveva sedici anni, la pulzella di Orléans, quando intraprese la missione di rianimare e incoraggiare l’esercito francese contro gli inglesi che occupavano la sua terra. Vestì elmo e corazza, impugnò la spada e combatté in prima linea trascinando i suoi compatrioti contro gli invasori; ma dal suo esercito pretendeva un comportamento ineccepibile, niente saccheggi, niente stupri, ma preghiere e digiuni prima di ogni battaglia.

Una vera rompiscatole, che rimproverava agli adulti la loro vita dissipata, la loro insensibilità e brama di ricchezze, probabilmente con una vocina acuta e un po’ stridula da teenager, che ai grandi dava tanto più sui nervi in quanto alle femmine in genere si chiedeva il silenzio e l’obbedienza.

Secondo gli storici, furono le scarse conoscenze dovute alla difficoltà del fact-checking a polarizzare l’opinione pubblica su Giovanna d’Arco, che vide in lei una santa oppure una marionetta invasata manipolata dai poteri forti.

Oggi conosciamo tutto di Greta, i media tradizionali e social ci raccontano le sue giornate, i suoi viaggi, i suoi incontri con i leader mondiali, eppure ci spacchiamo ugualmente fra paladini della piccola svedese e chi, come la giornalista Maria Giovanna Maglie, la metterebbe sotto con la macchina.

Fact checking o no, non siamo molto diversi dagli uomini del XV secolo. Oggi come ieri siamo sensibili al carisma antico e possente della vergine ispirata, che rifiuta la femminilità tradizionale e consacra la sua purezza alla salvezza del suo popolo o dell’umanità.

Sono corde sempre presenti nell’inconscio collettivo, e risuonano in contesti diversi – la guerra dei Cent’Anni, l’emergenza climatica – ma con le stesse vibrazioni. L’unica differenza, enorme, è che nessuno accenderà mai il rogo ai piedi della pulzella di Stoccolma, come avvenne per Giovanna d’Arco.

Al massimo si tratta di un rogo metaforico, una fiammata farlocca di contumelie e battute da asilo, come “vieni avanti gretina” e simili. Ma è un tipo di rogo che a Greta non fa nessuna paura. Anche perché, a differenza di quelli veri, non minaccia l’incolumità degli alberi, ma solo quella dei maroni.

LiaCeli 

Scroll Up